Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione digitale dei diritti sulle proprietà intellettuali

L’avvento delle nuove tecnologie nell’informatica, quali Internet e gli accessi a banda larga, genera problemi legati alla protezione dei diritti sulle opere dell’ingegno; queste infatti possono essere facilmente copiate e distribuite, senza perdita di qualità.
I nuovi metodi di distribuzione dei contenuti porteranno il mercato ad un’evoluzione verso il pay per use, creando business model basati sulla distribuzione ''sicura'', sulla protezione delle opere dagli usi illeciti e sull’uso di sistemi per la gestione dei diritti sui contenuti.
Per tutelare i diritti di utenti, autori ed editori è necessaria l’adozione di metodologie e servizi che gestiscano transazioni e relazioni tra le parti in maniera affidabile, e che includano strumenti per la prevenzione ed il rilevamento delle copie illegali.
In questa tesi parleremo delle principali tecnologie per la gestione digitale dei diritti, delle implicazioni sociali e legislative derivanti dalla loro introduzione e dei problemi da esse generati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione Nei secoli passati, la legislazione sul diritto d autore ha tentato di bilanciare i diritti degli utenti con quelli degli autori e degli editori, promuovendo incentivi affinchØ essi continuassero il loro lavoro. Con l avvento delle nuove tecnologie, quali Internet e gli accessi a banda larga, questo modello Ł cambiato: Internet promette (o minaccia) di modificare profondamente quello che noi chiamiamo libro o giornale , creando nuovi prodotti che stravolgono la concezione dell editoria; la stessa infrastruttura dell informazione sta mutando i rapporti e le relazioni legali tra editore, autore ed utente (e questo per tutti i campi dell informazione); se in passato le relazioni tra le parti erano lineari ed unidirezionali, ora gli editori sono obbligati a contrattare direttamente con gli utenti, senza appoggiarsi piø alle strutture tradizionali (es. libreria). I nuovi metodi di distribuzione dei contenuti (anche multimediali) basati su Internet creeranno presto nuovi business models, basati sulla distribuzione sicura e sull introduzione di sistemi per la gestione dei diritti sui contenuti stessi; dal momento che i consumatori vogliono ottenere value for money e facilit d uso dei media, mentre i fornitori di contenuti vogliono piø sicurezza e piø ricavi (cioŁ piø copie distribuite), il mercato tender ad un evoluzione verso un ottica pay-per-use. I problemi legati alla prevenzione e al rilevamento delle copie illegali sono aumentati grazie anche ai forti miglioramenti nello streaming di contenuti multimediali e nella tecnologia di compressione: Ł possibile trasferire audio e video di alta qualit tramite un normale collegamento Internet. Questa realt ha creato uno dei trend piø recenti sul Web, lo scaricamento di contenuti musicali, che frequentemente avviene in maniera anche illegale (vedi il caso Napster). Questi media digitali possono essere facilmente copiati e distribuiti, senza perdita di qualit ; sebbene vi siano molti siti che vendono o distribuiscono in modo del tutto legittimo i file MP3, ne esiste un numero altrettanto elevato che invece rende disponibili illegalmente i file protetti da copyright, violando in questo modo i diritti d autore e delle case discografiche. Internet viene sempre piø usata per la distribuzione di beni digitali , quali versioni digitali di libri, articoli, musica ed immagini. La facilit di copia e distribuzione di questi beni digitali rende Internet adatta alla modifica e alla diffusione illegali di materiale protetto da copyright, e la rapida adozione di nuove tecnologie quali le connessioni a banda larga e le reti peer-to-peer sta accelerando questo processo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Leonardo Scattola Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1074 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.