Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo dei sali di litio in ambito psichiatrico: una ricerca empirica

Studio dei sali di litio in ambito psichiatrico, avvalendosi di un questionario sottoposto sia ai pazienti che ai medici.
Confronto resoconto pazienti e narrazione medici, adottando l'ottica teorica "Narrativistica".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1 - Introduzione Questa tesi si configura come una ricerca sperimentale sulla relazione tra paziente- psicofarmaco- medico. Questa relazione è studiata adottando categorie interpretative proprie dell’ottica teorica detta “narrativistica”, in cui l’attenzione viene posta ai resoconti dei pazienti riguardo la loro condizione di “malati”, a confronto con le narrazioni dei medici, riguardo la visione che hanno dei pazienti. L’adozione di un’ottica narrativistica permette alla ricerca di studiare un fenomeno clinico a più livelli e da più punti di vista, poiché chiama in causa svariate concezioni teoriche provenienti da campi diversi, dalla corrente letteraria dello Strutturalismo e del Post-strutturalismo al Formalismo russo di Bachtin, dalla psicologia culturale di Bruner al costruzionismo sociale di Gergen. Facendo proprie alcune delle concezioni teoriche di questi ambiti, il narrativismo ha potuto delineare il concetto di identità narrativa, che per la presente ricerca è stato il punto nodale. Per prima cosa l’identità narrativa permette di considerare l’uomo come testo, perciò non un’identità relegata in un corpo, ma un’identità in divenire e che si costruisce volta per volta, ragion per cui, in ambito narrativistico, si parla di “processo generativo d’identità”, in cui

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Lucia Rossi Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2937 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.