Skip to content

Sottosviluppo, indebitamento e strategie di sviluppo: Bangladesh, Tanzania e il ruolo della piccola e media impresa

Informazioni tesi

  Autore: Paola Merci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Bruno Dallago
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

In questo lavoro si cerca di comprendere e presentare la realtà dei paesi in via di sviluppo (Pvs) ed in particolare alcuni dei numerosi tentativi che sono stati messi in atto dagli anni ottanta fino ad ora per cambiare e migliorare la situazione interna e aiutarli nella loro via verso lo sviluppo.
Nella prima parte si darà un’idea generale delle dimensioni del problema.
Il primo capitolo, analizza il concetto di sviluppo e sottosviluppo e alcune delle diverse interpretazioni che sono state date sulle possibili cause di questo fenomeno, che risulta essere strettamente correlato con il problema del debito estero per i paesi in via di sviluppo. Viene, quindi, esposto il processo che ha portato al progressivo indebitamento di questi paesi, cercando di sottolineare le ragioni che ne hanno determinato la nascita, la crescita e il progressivo peggioramento. Infine, si presenta la situazione attuale per quei paesi che definiamo in via di sviluppo, evidenziando in particolare modo la struttura industriale interna e il loro grado di indebitamento con alcuni dati e statistiche fornite dalla Banca Mondiale e delle Nazioni Unite.
Nel secondo capitolo viene fatta una panoramica di tutte le diverse soluzioni e proposte, ideate e messe in atto, per risollevare questi paesi dal peso del debito, da quando negli anni 80 si è cominciato a considerare il problema del debito estero non più un fenomeno localizzato e temporaneo, bensì di portata mondiale. Si è scelto di presentare in modo più approfondito le politiche indirizzate alla risoluzione del problema del debito, perché fondamentali per un qualsiasi progetto di sviluppo, e per la forte influenza che esse esercitano sulla performance economica dei Pvs.
Nella seconda parte del lavoro si cerca di presentare in maniera più approfondita una possibile via allo sviluppo di questi paesi: la piccola impresa
Si parte, nel terzo capitolo, da una presentazione generale del fenomeno della piccola impresa nei Pvs, analizzandone la distribuzione e le caratteristiche generali di base nelle tre regioni più povere del mondo; Africa, Asia del Sud e America Latina.
Si passa in seguito ad una presentazione più approfondita del fenomeno in due realtà concrete: Bangladesh e Tanzania. Sono stati scelti due paesi, all’interno del gruppo preso in esame, per vedere nello specifico la struttura industriale, il tipo di produzione, la storia dell’economia per capire il tipo di realtà in cui i diversi interventi di sostegno sono stati messi in atto (quarto capitolo).
Nel quinto e ultimo capitolo, infine si mettono a confronto le due realtà per alcuni punti rilevanti in questo contesto. Si cerca di mettere in evidenza come effettivamente, se la piccola impresa è una via allo sviluppo dei Pvs, si può contribuire alla sua espansione e diffusione.
Nei paesi dove lo sviluppo viene, in qualche modo frenato dal problema del debito, la piccola impresa può essere una via per arrivare alla soluzione del problema? E cosa si può fare per incentivarne e sostenerne lo sviluppo?
Queste sono le domande alla base di questo lavoro; un’analisi delle realtà caratterizzate dal sottosviluppo e dal peso del debito all’interno delle quali la piccola impresa gioca un ruolo importante. Come approfondiremo essa permette una riduzione della povertà, maggiori opportunità di occupazione e una migliore distribuzione di reddito e una partecipazione attiva e diretta delle singole persone. (permettere una riduzione della povertà, una migliore distribuzione della ricchezza e una reale autocoscienza e autodeterminazione degli abitanti).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel mondo odierno, definito “globalizzato” dalla stampa quotidiana e dagli scritti critici di numerosi studiosi, è importante osservare come in realtà esistano delle enormi e forse incolmabili disparità fra paesi, popoli e zone diverse. Se attraverso internet si è riusciti a mettere in rete le conoscenze, raggiungendo ogni punto del globo terreste, di certo non si è riusciti a fare altrettanto con i beni e le libertà, necessari a chiunque per vivere dignitosamente: cibo, casa, igiene, cure mediche, lavoro, speranza di vita, istruzione, libertà di scelta, consapevolezza dei propri diritti. Nel mondo migliaia di persone vivono in condizioni inaccettabili e senza avere alcuna speranza di un mutamento futuro. Dei 4,6 miliardi di persone nei paesi in via di sviluppo, più di 850 milioni sono analfabete, quasi un miliardo non può accedere a fonti di acqua pulita e 2,4 miliardi non possono accedere alle infrastrutture sanitarie di base; un miliardo e 200 mila persone vivono sotto la soglia della povertà con meno di 1 dollaro al giorno (1€ o poco più), 11 milioni di bambini con meno di cinque anni muore ogni anno, più di 113 milioni di bambini nel mondo non vanno a scuola, 250 milioni di ragazzi, di età compresa tra i 5 e i 12 anni, vengono sfruttati come schiavi per lavori faticosi ed insalubri (UNDP, 2000). Il debito estero per i paesi in via di sviluppo ha raggiunto i livelli esorbitanti di 2,527.5 miliardi di dollari. Mentre il 15% più ricco della popolazione mondiale ha un PNL pro capite medio di 27,510$ all’anno, il 40 % più povero e altamente indebitato ha una media di 420 $ all’anno (World Development Report 2002). Sono solo alcuni dati, che descrivono in maniera parziale la situazione mondiale attuale, ma che devono far riflettere per riuscire a cogliere il loro pieno significato. Dietro ogni dato, infatti, ci sono persone in carne ed ossa che come noi, tutti i giorni, hanno bisogno di mangiare e dormire di lavorare e sognare qualcosa di meglio di quello che la vita offre loro adesso; persone che, spesso, la povertà rende invisibili. Le analisi e le statistiche, che verranno proposte in seguito, sono solo dei modi per semplificare la realtà e renderla a noi e per noi conoscibile, comprensibile e confrontabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi