Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo studio del caso www.berlinerzimmer.de. I salons letterari tedeschi: tradizione ed evoluzione di una proposta culturale.

Il lavoro qui presentato vuole essere un contributo che si colloca nel punto d’intersezione di due tradizioni, quella dei salotti letterari e quella della letteratura in/di Rete, e suggerisce un modello strutturato in cui queste due realtà possano coesistere.
I salotti letterari della tradizione sono stati studiati e esaminati in modo alquanto circostanziato e la bibliografia su tale argomento è piuttosto consistente. Di conseguenza, una tesi che tentasse di affrontare solo i salotti storici, pur delimitando il campo d’analisi all’ambito tedesco, sembrerebbe una mera panoramica dispersiva e generalizzante, oppure un tentativo riassuntivo di volumi che già hanno saputo trattare l’argomento in modo esaustivo.
Quindi è ritenuta opportuna l’idea di istituire un confronto fra il salon tradizionale e un modello del tutto innovativo, ovvero il “salotto online”. Questo è stato il filo conduttore della tesi stessa, il punto di riferimento che ha consentito di condurre il lavoro ad un risultato omogeneo, senza correre il rischio di disperdersi nella consistente bibliografia riguardante la teoria della letteratura digitale da una parte e la cultura del salon dal Settecento a oggi dall’altra. Questo confronto è stato dunque il filo conduttore di tutto il lavoro, è stata l’idea attorno alla quale si è sviluppato tutto il resto. Questo non significa che si è voluto giudicare una modalità migliore rispetto all’altra, elogiando le caratteristiche di una e sminuendo quelle dell’altra. L’intento era di mostrare come si formino nuove forme di aggregazione sociale alla soglia del XXI secolo, come il fenomeno delle comunità online o di salotti letterari in Rete che trattano di letteratura digitale sia particolarmente sentito in ambito tedesco, e di come queste recenti modalità sfruttino idee già consolidate, quale la forma antica del salotto o l’importanza di una buona conversazione, pur avvalendosi dei vantaggi di una società computerizzata.

Il primo capitolo apre con la descrizione del concetto di “Salonkultur”, per poi esporre le caratteristiche principali del salon come forma di aggregazione sociale, la cui occupazione principale risiede nell’arte della conversazione.

Il secondo capitolo ha come scopo l’esame di quella che viene considerata “digitale Literatur”, distinguendola da quella che è “unechte digitale Literatur”. Si prendono in esame i primi tentativi di sperimentazione letteraria in ambito tedesco, introducendo un collegamento te(le)matico tra i media e la letteratura stessa, esplorando come e in che misura i media possano essere al servizio della letteratura e siano sinonimo di morte del libro.

Il terzo capitolo riguarda lo studio del caso www.berlinerzimmer.de, con la presentazione di Sabrina Ortmann, Salonnière berlinese del XXI secolo e con l’analisi delle diverse componenti del “salotto online”, quali i contenuti del portale, l’estetica e l’usabilità del sito, la chat e il Tage-Bau, cioè il progetto di scrittura creativa e collaborativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tesi di laurea di Gesuina GAITI - matr. 24013: “Lo studio del caso www.berlinerzimmer.de. I salons letterari tedeschi: tradizione ed evoluzione di una proposta culturale.” UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Indirizzo Scienze delle Comunicazioni - A. A. 2001-2002 - Relatrice: Chiar.ma Prof.ssa Elena AGAZZI - Correlatrice: Chiar.ma Prof.ssa Francesca PASQUALI 6 INTRODUZIONE “Il est évident que s’il n’y a personne autour de vous, vous allez vous retrouver avec la vieille question : «L’arbre qui tombe dans la forêt fait-it du bruit s’il n’y a personne pour l’entendre?». Pour qu’il y ait communication, il faut la présence d’au moins une autre personne.” PAUL WATZLAWICK Il lavoro qui presentato vuole essere un contributo che si colloca nel punto d’intersezione di due tradizioni, quella dei salotti letterari e quella della letteratura in/di Rete, e suggerisce un modello strutturato in cui queste due realtà possano coesistere. I salotti letterari della tradizione sono stati studiati e esaminati in modo alquanto circostanziato e la bibliografia su tale argomento è piuttosto consistente. Di conseguenza, una tesi che tentasse di affrontare solo i salotti storici, pur delimitando il campo d’analisi all’ambito tedesco, sembrerebbe una mera

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Gesuina Gaiti Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1196 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.