Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia del fascismo a Padova 1919-1924

La nascita del fascismo nel padovano e gli scontri con gli antagonisti politici locali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 LA NASCITA DEI FASCISMI NEL PADOVANO 1-Costituzione del fascio padovano di combattimento La sezione cittadina del fascio di combattimento fu una delle prime a sorgere nel Veneto. Il suo sviluppo tuttavia fu lento e caratterizzato dall’evolversi della situazione politico sociale nelle campagne della provincia. Più fonti (1) collocano la costituzione della sezione nel marzo del 1919, pochi giorni dopo l’adunata indetta da Mussolini in piazza San Sepolcro a Milano risalente al 23 dello stesso mese. L’ambiente in cui il fascio urbano mosse i primi passi fu quello universitario: “nel glorioso ateneo patavino i goliardi convenuti da ogni parte d’Italia, guardano con simpatia il nuovo movimento”(2). Tra i mesi di maggio e giugno venne eletto presidente della locale sezione dei fasci il professore universitario Luigi De Marchi, noto geografo, legato all’ambiente nazionalista padovano (3). Fin dagli inizi il mondo universitario giocò dunque un ruolo determinante nella storia del movimento fascista, come sembra dimostrare la funzione avuta dagli studenti fascisti veneziani nella costituzione del locale fascio di combattimento (4).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Miotti Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4228 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.