Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato del trasporto aereo dopo l'11 Settembre 2001. Analisi finanziaria del settore e focus sul titolo Alitalia

Il lavoro di tesi comincia delineando l'evoluzione dell'industria del trasporto aereo alla luce della deregulation che ha coinvolto negli anni '80 gli Stati Uniti e negli anni '90 l'Europa. La funzione marketing è stata completamente rivoluzionata per orientarsi al customer satisfaction.
Le alleanze globali rivestono inoltre un ruolo oramai strategico per consentire alle compagnie di competere in condizioni di margini sempre più bassi.
Con gli attentati dell'11 Settembre 2001, l'intero settore ha subito un colpo durissimo, sia in termini di traffico trasportato, sia in termini di ricavi. Anche in borsa i titoli dei vettori principali sono crollati, ivi compreso il titolo Alitalia. Negli ultimi 18 mesi la compagnia di bandiera italiana è stata guidata dal management verso una profonda rivistazione del network che si è accompagnata ad operazioni sul capitale sociale per favorire gli investimenti nella flotta.
La componente applicativa della tesi si sviluppa con un modello di statistica multivariata in cui si compara la performance azionaria di Alitalia con quella di un indice di prezzo dei principali competitor americani ed europei.
Lo scopo è quello di verificare se ed in quale misura i fatti contingenti di Alitalia abbiano condotto il titolo verso un percorso autonomo rispetto al settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione Il viaggio in aereo rappresenta da ormai cinquanta anni la modalità di trasporto più moderna, veloce e sicura tra quelle esistenti. E’ la forma più moderna per l’elevata tecnologia di cui si compone un aeromobile che riguarda ad esempio la strumentazione di bordo, la scelta dei materiali per la carrozzeria, la struttura dei motori, l’assetto dei comfort offerti a bordo per una piacevole navigazione. L’aereo è il mezzo più veloce in quanto consente di percorrere dagli 800 ai 900 km/h, e ciò significa raggiungere ipoteticamente qualsiasi destinazione nell’arco di una giornata. E’ infine la soluzione di trasporto più sicura; basti pensare che un incidente aereo ha una probabilità di verificarsi inferiore alla vincita in una delle più popolari lotterie nazionali. Le statistiche di mortalità del settore concernono numeri di gran lunga inferiori di quelli che si registrano per automobile, nave o treno, in rapporto alle distanze complessivamente percorse. Eppure un qualsiasi evento negativo che coinvolga un aeroplano ha un impatto molto più marcato sull’immaginario collettivo sia per il numero di vittime che eventualmente si determinerebbero, sia per la spettacolarità che un fatto di questa natura può provocare. Le conseguenze economiche di un incidente aereo sono spesso disastrose per la compagnia che ha operato quel collegamento; l’intera industria può subire delle ripercussioni negative proprio perché torna alla ribalta il tema della sicurezza in volo. Gli attentati del terrorismo islamico dell’11 Settembre 2001 hanno danneggiato pesantemente il mercato del trasporto aereo ed in modo indiretto anche i settori ad esso

Tesi di Master

Autore: Alessandro Vinci Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4450 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.