Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità sociale. Le campagne di Pubblicità Progresso e della Presidenza del Consiglio dei Ministri sui diritti e doveri dei cittadini.

Fino alla seconda metà degli anni ’80 l’uso della comunicazione persuasoria a fini di pubblico interesse ha rappresentato una pratica limitata. È solo nel corso di quest’ultimo decennio che la pubblicità sociale ha conosciuto un’impressionante espansione e soprattutto un aumento dei soggetti che ne fanno uso: all’istituto di Pubblicità Progresso, che ha dato avvio allo sviluppo della pubblicità sociale in Italia, si sono affiancati il settore pubblico e le organizzazioni non profit. La pubblicità sociale va, inoltre, inserita all’interno del più ampio contesto del marketing sociale; è l’approccio di quest’ultimo che risulta fondamentale nella costruzione di campagne per modificare idee e comportamenti. La nascita della pubblicità sociale è legata anche alla nascita del concetto di “qualità della vita” che ha iniziato a diffondersi nelle società occidentali agli inizi degli anni ’70. Alla crisi del modello di crescita economica, che non è più in grado di garantire il benessere sociale, fa seguito la richiesta da parte della cittadinanza di una migliore qualità della vita basata non su valori quali la sicurezza economica e la ricchezza, ma sui cosiddetti valori post-materialisti che progressivamente sono diventati più importanti nei sistemi di credenze della popolazione: crescita personale, libertà individuale, democrazia, autodeterminazione. Tra questi valori rientra anche la maggior consapevolezza dei diritti e dei doveri dei cittadini. Diritti troppo spesso oscurati o messi da parte per ragioni politiche e proprio per questo oggetto di comunicazione sociale.
Dalla tutela al diritto all’informazione al rispetto del codice stradale, dalla tutela del lavoro fino all’importante dovere sociale dell’azione volontaria, Pubblicità Progresso e il settore pubblico si sono alternati con varie campagne di pubblicità sociale. Da questo confronto è emerso soprattutto il ruolo di stimolo che l’istituto ha avuto nei confronti dello Stato; uno stimolo sia a rafforzare i rapporti con i cittadini, sia ad adottare le tecniche della comunicazione persuasoria per modificare i comportamenti collettivi sui diritti e doveri sopraccitati.
Ma se l’attività di Pubblicità Progresso è testimonianza di un impegno costante e duraturo nel tempo, le presa di coscienza da parte dello Stato dell’importanza strategica che la comunicazione possiede rimane un fenomeno troppo recente perché possa considerarsi sufficientemente esteso e consolidato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro si occupa del tema della pubblicità sociale ed in particolar modo analizza le campagne sociali sui diritti e i doveri dei cittadini. Fino alla seconda metà degli anni ottanta l’uso della comunicazione persuasoria a fini di pubblico interesse ha rappresentato una pratica limitata, spuria, quasi eretica. È solo nel corso di quest’ultimo decennio che la pubblicità sociale ha conosciuto un’impressionante espansione e soprattutto un aumento dei soggetti che la utilizzano. Per questo motivo, il primo capitolo è dedicato ad una generale introduzione al fenomeno della pubblicità sociale: ho cercato di delimitare una sua possibile definizione, specificandone i generi ed i soggetti che la praticano, con particolare riguardo per la storia e lo sviluppo di Pubblicità Progresso. È grazie a questo istituto, infatti, che la pubblicità sociale ha iniziato a svilupparsi nel nostro paese. Inoltre, poiché la pubblicità sociale è solo uno degli strumenti utilizzati per modificare i comportamenti collettivi, l’ultima parte del capitolo è dedicata al contesto più ampio del marketing sociale. Si analizzerà l’approccio del marketing sociale nella costruzione di campagne per modificare idee o comportamenti collettivi, nonché il suo processo di pianificazione in tutte le sue fasi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Mara Manzolli Contatta »

Composta da 286 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 44420 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 69 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.