Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La percezione della sicurezza da parte dell'utente nell'ambito dell'online banking in Italia: soluzioni tecnologiche e prospettive

La recente evoluzione delle tecnologie telematiche sta investendo in modo profondo il sistema delle comunicazioni e le modalità di commercio. Essa influenza il mondo delle istituzioni bancarie e finanziarie le quali possono, quindi, offrire servizi più convenienti e comodi beneficiando delle potenzialità offerte dalla rete Internet. Le banche si trovano a dover compiere dei cambiamenti nella propria rete distributiva per non rischiare di essere spiazzate dalla concorrenza di nuovi operatori che si propongono come intermediari nelle transazioni di tipo finanziario. Ma la decisione di avvalersi di nuovi canali distributivi alternativi al tradizionale sportello aggiunge una nuova componente di rischio intrinsecamente legata al fattore tecnologico e propriamente definita e-risk.
Gli utenti esigono in questi rapporti tecnologici lo stesso livello di protezione, affidabilità e più in generale sicurezza delle informazioni che trovano nei canali tradizionali. Il timore di essere vittima di truffe perpetrate da abili hacker in grado di intercettare informazioni critiche, la diffidenza che insorge nell’affidare i propri risparmi ad una banca totalmente virtuale ma soprattutto la non fisicità delle relazioni dovuta ad assenza di contatto diretto con il personale della filiale sono alcuni degli argomenti che fanno della sicurezza un punto chiave nello sviluppo della banca a distanza. Alcune ricerche in merito hanno mostrato che la più frequente causa di interruzione della procedura di acquisto da un sito di commercio elettronico, è riconducibile a timori circa la sicurezza della transazione.
In questo lavoro si cercherà, dunque, di dimostrare come il fattore sicurezza costituisca un tassello fondamentale nello sviluppo di forme di banca a distanza impattando in misura così notevole nel-la credibilità della stessa e come sia possibile intervenire per mitigare i rischi migliorando la credibilità del settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La recente evoluzione delle tecnologie telematiche sta investendo in modo profondo il sistema delle comunicazioni e le modalità di commercio. Essa influenza il mondo delle istituzioni bancarie e finanziarie le quali possono, quindi, offrire servizi più convenienti e comodi beneficiando delle potenzialità offerte dalla rete Internet. Le banche si trovano a dover compiere dei cambiamenti nella propria rete distributiva per non rischiare di essere spiazzate dalla concorrenza di nuovi operatori che si propongono come intermediari nelle transazioni di tipo finanziario. Ma la decisione di avvalersi di nuovi canali distributivi alternativi al tradizionale sportello aggiunge una nuova componente di rischio intrinsecamente legata al fattore tecnologico e propriamente definita e-risk. Gli utenti esigono in questi rapporti tecnologici lo stesso livello di protezione, affidabilità e più in generale sicurezza delle informazioni che trovano nei canali tradizionali. Il timore di essere vittima di truffe perpetrate da abili hacker in grado di intercettare informazioni critiche, la diffidenza che insorge nell’affidare i propri risparmi ad una banca totalmente virtuale ma soprattutto la non fisicità delle relazioni dovuta ad assenza di contatto diretto con il personale della filiale sono alcuni degli argomenti che fanno della sicurezza un punto chiave nello sviluppo della banca a distanza. Alcune ricerche in merito hanno mostrato che la più frequente causa di interruzione della procedura di acquisto da un sito di commercio elettronico, è riconducibile a timori circa la sicurezza della transazione. In questo lavoro si cercherà, dunque, di dimostrare come il fattore sicurezza costituisca un tassello fondamentale nello sviluppo di forme di banca a distanza impattando in misura così notevole nella credibilità della stessa e come sia possibile intervenire per mitigare i rischi migliorando la credibilità del settore. Le motivazioni che hanno indotto chi scrive ad esaminare il sistema bancario, il canale Internet, il contesto italiano e gli aspetti tecnologici, sono qui elencate.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Damiano Schiavilla Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1729 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.