Skip to content

Ancona: il pubblico e le sale cinematografiche dal dopoguerra ad oggi

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Verdini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Bernardo Valli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

Questo lavoro - che per sua stessa natura non ha precedenti sul territorio - si ferma al 1998, analizzando la situazione delle sale cinematografiche, del pubblico cinematografico e della distribuzione dei film nella città di Ancona dagli anni del dopoguerra alla crisi del cinema e alla sua rinascita. Il lavoro, che ha comportato l’utilizzo di una articolata e composita metodologia di indagine, ha preso in esame riferimenti bibliografici, fonti cartacee (quali rassegne stampa, riviste di cinema, articoli di giornale), materiale inedito (fotografie, locandine, manifesti di sale cinematografiche, di film e di rassegne), interviste a personaggi ed a protagonisti degli avvenimenti cinematografici degli anni presi in esame (soggetti autorevoli – testimonianze sul campo), ricerca ed analisi di materiale filmico e ricerche statistiche presso Cineteche, Mediateche ed Enti specializzati nel settore.
L’analisi proposta ha un taglio storico sociale e riguarda, in linea generale, la città di Ancona, inserita sempre in un contesto nazionale ed internazionale, caratterizzato peraltro, nel periodo preso in esame, da continui e vertiginosi cambiamenti. Il cinema del resto, che si basa sul movimento e sulla velocità e rappresenta perfettamente il pulsare della vita cittadina e delle macchine, non può che essere la più significativa espressione artistica della società moderna.
Per l’approfondimento della realtà locale, sono risultate determinanti le interviste rilasciate dai personaggi e dai protagonisti degli avvenimenti legati alla cinematografia, testimoni partecipi di stagioni diverse che hanno rappresentato per il territorio, visto il loro legame, occasioni di crescita e di sviluppo. Informazioni, consigli ed incoraggiamenti sono venuti da molti; altri hanno messo a disposizione materiale inedito, hanno favorito la ricerca negli archivi pubblici e privati e hanno agevolato l’intera composizione dei materiali con preziosi consigli tecnici. Questo libro perciò è debitore a molte persone, i cui nomi sono riportati a parte ed a loro va un sentito ringraziamento per la loro disponibilità e collaborazione.
Le argomentazioni riportate e le considerazioni svolte sono state completate da tabelle, i cui dati provengono dall’AGIS, dagli Annuari Statistici della SIAE, da grafici e da tavole di personale elaborazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE di Roberto Nisi La lunga storia di “Ancona e i cinema”, nell’accezione di sale cinematografiche, negli anni si è arricchita d’un prestigioso capitolo qual è quello di “Ancona e il cinema”, inteso come mondo della celluloide. Ciò che poteva apparire impensabile, tenuto anche conto della posizione marginale del capoluogo dorico rispetto alle storiche “terre da set” nazionali, si è avverato lasciando di stucco lo sguardo del popolo anconetano. Aldilà delle brevi incursioni di registi quali Monicelli o Zampa ed escludendo il “caso” Visconti, è stato probabilmente il cupo ed emozionante Un’anima divisa in due di Silvio Soldini, girato in parte ad Ancona nel 1992, a far (ri)scoprire alcuni di quegli aspetti naturali ed architettonici della città, maggiormente fotogenici: tanto da essere stati oggetto di lode anche da parte dello stesso Conte rosso ai tempi di Ossessione. Da Soldini a Moretti, ultimo maestro approdato con la sua cinepresa nelle vie del capoluogo, il passo non è stato così breve. Dal 1992 al 1999, anno d’inizio delle riprese de “La stanza del figlio” solo la regista Claudia Florio, romana d’adozione ma anconetana purosangue, aveva scelto d’ambientare, appena pochi mesi prima del ciak d’inizio dell’epopea Moretti, il suo terzo film “La regina degli scacchi” interamente ad Ancona. Le ultime “incursioni” del “mondo romano” sembrano questa volta non essere destinate a rimanere casi isolati, si è aperto difatti un ponte fra la città del cinema e la nostra terra ancora “pura” apparentemente destinato ad aumentare di traffico. Varie produzioni, anche straniere, hanno già lanciato segnali, comprese case produttrici di fiction TV, ed è quindi naturale aspettarsi che non passeranno di nuovo molti anni prima di ritrovare vie, palazzi e locali pubblici di nuovo assediati da troupe pronte ad immortalare una città che con la settima arte ha da sempre avuto, più o meno, un rapporto di puro intrattenimento domenicale. Lasciando il sotto capitolo “Ancona e il cinema” al potenziale di suggestione che questa città può avere o meno sullo spirito degli autori, un altro importante capitolo da analizzare è quello di cui, in parte, si occupa questo libro: il panorama delle sale cinematografiche in funzione e di prossima apertura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agis
ancona
cineclub
cinema
distribuzione cinematografica
sale cinematografiche
pubblico cinematografico
locandine cinematografiche
mediateche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi