Skip to content

Analisi dell'iniziativa di riduzione del debito nei paesi poveri altamente indebitati

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Cabassi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Giovanni Vaggi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

[...]
Lo sviluppo è visto come un processo di espansione delle libertà reali di cui la gente dispone e queste libertà sono allo stesso tempo i fini e i mezzi del processo di sviluppo. Essi includono la libertà di partecipazione all’economia, che implica il libero accesso al credito; la libertà di espressione e di partecipazione politica; le opportunità sociali, compresi il diritto all’educazione e il diritto alla sanità; le garanzie di trasparenza nelle transazioni finanziarie ed economiche e la garanzia di avere una rete di sicurezza sociale contro, ad esempio, la disoccupazione o le carestie.
Per sfruttare l’opportunità di sostenere un processo di sviluppo globale che si è presentata con la fine della guerra fredda e il sorgere dell’economia globalizzata, c’è bisogno di consolidare un pacchetto di requisiti specifici che comprende governi onesti, sistemi legislativi e regolatori efficienti e trasparenti, funzionari correttamente addestrati e remunerati, un impegno vigoroso nel combattere la corruzione, un sistema giudiziario imparziale ed efficace, e un sistema finanziario ben organizzato e sorvegliato. Sono inoltre necessarie le infrastrutture fisiche, incluse adeguate e affidabili fonti di energia, strade, trasporti e telecomunicazioni. Bisogna proteggere l’ambiente naturale che include le foreste, l’aria, l’acqua e le biodiversità, così come il patrimonio culturale che è fonte di identità e orgoglio per tutti i popoli. Tutte queste necessità devono essere affrontate con diversi tipi di strategie sovrapposte tra di loro, che si occupino dello sviluppo sia delle aree rurali sia delle aree urbane, sia del settore pubblico sia di quello privato.
La nuova architettura finanziaria che è sotto discussione deve tenere conto di questo tipo di approccio che si vuole dare alle strategie di sviluppo e, per quanto riguarda i paesi meno sviluppati e più poveri del mondo, l’eliminazione del problema del debito estero è fondamentale perché, oltre alla gravità del fatto che il servizio del debito estero sottrae risorse necessarie per affrontare le spese di carattere sociale, rappresenta un ostacolo alla creazione di un sistema finanziario adeguato e di conseguenza ostacola anche la crescita economica.
Il debito estero è, per i paesi poveri, un problema che si trascina da oltre vent’anni e, solo nel 1996 è partita l’iniziativa HIPC che ne prevede la riduzione per alcuni dei paesi più poveri e più indebitati del mondo. Nelle intenzioni dei fautori dell’iniziativa, essa dovrebbe essere sufficiente per risolvere per sempre il problema del debito portando i paesi interessati in una situazione nella quale il loro debito estero sia sostenibile, dalla quale essi non dovrebbero più uscire.
Nonostante l’iniziativa HIPC rappresenti un comportamento encomiabile da parte dei creditori, visti gli scarsi risultati ottenuti dai precedenti tentativi di trovare una soluzione al problema del debito, essa non sembra certo essere il passo decisivo per il raggiungimento degli obiettivi che oggi si pone l’economia dello sviluppo.
Innanzitutto, si può criticare la base teorica sulla quale essa si fonda, perché è incentrata sul raggiungimento di alcuni obbiettivi indicati da valori soglia degli indicatori del debito, che dovrebbe essere sufficiente a garantire una situazione di sostenibilità per ogni paese e per ogni periodo, cosa molto difficile da dimostrare. Inoltre, il rallentamento dell’economia globale avvenuto nel periodo 2000-2001 e che si protrae ancora oggi, ha messo in dubbio anche i risultati concreti cui l’iniziativa HIPC avrebbe dovuto portare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE In un articolo pubblicato sull’Herald Tribune il 5 maggio del 1999 di Amartya Sen, uno dei massimi esperti di sviluppo, e James Wolfensohn, presidente della Banca Mondiale, intitolato “Let's Respect Both Sides of the Development Coin” i due economisti descrivono quali dovrebbero essere le linee guida della politica internazionale per lo sviluppo. Il problema principale che deve affrontare l’economia dello sviluppo è la persistente ed estesa presenza della povertà. Il dibattito su come combatterla all’interno dell’economia dello sviluppo ha generato due diversi tipi di approcci. Il primo è quello più spietato, secondo il quale sono necessari ulteriori sacrifici da parte delle popolazioni povere per ottenere un domani migliore, attraverso le medicine macroeconomiche di stampo “ortodosso” che molto spesso non tengono conto degli urgenti problemi di carattere sociale, ma che, anzi, vedono i tentativi per risolverli come una perdita di tempo e di denaro. Questo tipo di approccio è stato impiegato per anni tramite le politiche del cosiddetto “Washington Consensus”, sostenute in particolare dal Fondo Monetario Internazionale che concedeva i suoi aiuti allo sviluppo in cambio della liberalizzazione dei mercati, della privatizzazione e di politiche di austerità che miravano al controllo dell’inflazione. Ma i risultati sono stati, nella maggior parte dei casi, negativi, se non disastrosi perché, durante gli anni ’80 e ’90, la povertà è aumentata così come il divario tra paesi ricchi e paesi poveri e le opportunità offerte dalla globalizzazione non sono state sfruttate. Il secondo approccio, al quale fanno riferimento gli autori dell’articolo come alla giusta base per l’applicazione delle politiche economiche e di sviluppo internazionali è un processo essenzialmente amichevole, basato sul mutuo e benefico scambio, completato dal funzionamento dei sistemi di protezione sociale, delle leggi, dei sistemi giudiziari e dalla garanzia che ad ogni persona siano assicurate le libertà basilari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
hipc
banca mondiale
economia dello sviluppo
debito estero
heavily indebted poor countries
riduzione del debito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi