Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche per l'innovazione e piccole e medie imprese

Il lavoro svolto in questa tesi è diviso in due parti. La prima parte, compilativa, presenta: l’innovazione dal punto di vista economico; gli input dell’Unione Europea per favorire un lavoro comune sul tema; la situazione nelle principali nazioni Europee (Francia, Inghilterra, Germania) com’era e come sta cambiando; l’Italia dalla riforma Bassanini. La seconda parte, di ricerca, compara partendo dagli strumenti nazionali a favore delle PMI, con l’ausilio di tabelle, la politica industriale di: Lombardia, Marche, Toscana, Emilia Romagna, allo scopo di verificare: quale Regione investe maggiori risorse per le PMI, quale Regione spende di più per le politiche a favore dell’innovazione tecnologica sia in termini generali che per addetto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L intento di questo lavoro Ł quello di fotografare lo stato delle PMI dal punto di vista innovativo (primo capitolo), verificare quali politiche l Europa ha introdotto per favorire sia lo sviluppo del processo innovativo che il trasferimento tecnologico. Come vengono implementate nelle principali nazioni Europee: Francia, Inghilterra e Germania ( secondo capitolo), infine vedere come vengono recepite in Italia sia a livello nazionale, che in alcune Regioni principali: Lombardia, Marche, Emilia Romagna, Toscana. L innovazione tecnologica genera una tipica situazione di fallimento del mercato, dovuta al fatto che l attivit di innovazione genera esternalit positive. La sua introduzione pu essere assimilata a quella di un bene pubblico: una volta resa pubblica, la cono-scienza (di un nuovo prodotto o processo produttivo) essa risulter disponibile a tutte le imprese, le quali potranno imitarla ottenendo un beneficio senza sostene-re costi elevati.Il grosso problema che genera un innovazione Ł principalmente quello della scarsa appropriabilit dei risultati, visto che l impresa innovatrice non riuscir a sfruttare completamente i benefici economici derivanti dall innovazione introdotta, ci determiner uno scarso incentivo ad investire di nuovo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gennaro Ferretti De Luca Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4622 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.