Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Christopher Lasch. Crisi dell'identità e narcisismo

La tesi discute le teorie di Christopher Lasch su alcuni fenomeni degenerativi della cultura contemporanea legati all’avvento dell’industrializzazione e al decadimento della famiglia tradizionale. In particolar modo, si tratterà la contrazione dell’individuo ad un nucleo di strategie di sopravvivenza psichica che lo portano a rifuggire il coinvolgimento affettivo, mentre è alla costante ricerca dell’approvazione altrui e di appagamenti immediati. Fenomeni che testimoniano l’affermarsi della personalità narcisista e, a livello collettivo, di una mentalità della sopravvivenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La risposta alla domanda che inquieta lo spirito umano nelle società industriali avanzate, “da cosa nasce il disagio dell’uomo contemporaneo?”, ha un carattere spirituale, oserei dire religioso per Lasch. Paradossalmente, egli fornisce questa risposta, nella maniera più esplicita, in un paio di digressioni che esporrà ne “Il Paradiso in terra”, uno scritto dedicato alla critica del progresso. L’ideologia del progresso, sostiene Lasch, sostituisce l’ottimismo alla speranza, la stima del cambiamento storico ad una predisposizione del temperamento umano, indebolendo la tendenza a fare delle previsioni intelligenti riguardo al futuro. Allo stesso modo, sostituisce la nostalgia alla memoria storica, riducendo la capacità di fare un uso intelligente del passato. Nel concreto, quindi, coltivare la speranza e la memoria storica significa dare per scontato che si sappia rispondere a determinate domande. Ad esempio: cosa ci spinge ogni giorno ad andare avanti, a fare dei sacrifici, ad impegnarci con tutte le nostre forze per conseguire dei risultati sul lavoro e nella nostra vita? Ed anche, cosa determina che rinunciamo alle gratificazioni immediate e superficiali, per riservarci di godere più pienamente in futuro i frutti del nostro duro lavoro oppure degli sforzi impiegati per conquistare l’amore di una donna? O ancora, cosa ci spinge ad accumulare quante più ricchezze ed esperienze possibili per trasmetterli ai nostri figli o per offrire benefici a tutta la famiglia?

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Maurizio De Crescenzo Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7997 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.