Skip to content

Sequenze EST (Expressed Sequence Tags) del fungo simbionte Tuber borchii Vittad. Analisi dell'espressione nel micelio e nel corpo fruttifero

Informazioni tesi

  Autore: Simona Abba
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Paola Bonfante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

The transition from vegetative mycelium to fruit body in truffles requires differentiation processes which lead to edible fruit bodies (ascomata) consisting of different cell and tissue types. The identification of genes differentially expressed during these developmental processes can contribute greatly to a better understanding of truffle morphogenesis. A cDNA library was constructed from vegetative mycelium RNAs of the white truffle Tuber borchii, and 214 cDNAs were sequenced. Up to 58% of the expressed sequence tags corresponded to known genes. The majority of the identified sequences represented housekeeping proteins, i.e., proteins involved in gene or protein expression, cell wall formation, primary and secondary metabolism, and signaling pathways. We screened 171 arrayed cDNAs by using cDNA probes constructed from mRNAs of vegetative mycelium and ascomata to identify fruit body-regulated genes. Comparisons of signals from vegetative mycelium and fruit bodies bearing 15 or 70% mature spores revealed significant differences in the expression levels for up to 33% of the investigated genes. The expression levels for six highly regulated genes were confirmed by RNA blot analyses. The expression of glutamine synthetase, 5-aminolevulinic acid synthetase, isocitrate lyase, thioredoxin, glucan 1,3-beta-glucosidase, and UDP-glucose:sterol glucosyl transferase was highly up-regulated, suggesting that amino acid biosynthesis, the glyoxylate cycle pathway, and cell wall synthesis are strikingly altered during morphogenesis.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Presentazione I greci lo chiamavano hydnon, i latini tuber, dal verbo tumere (gonfiare), i francesi truffe che deriva dal significato di frode che Molière gli attribuì nella sua opera teatrale "Tartufe" del 1664: è il tartufo. Tra tutti i funghi eduli, i tartufi piemontesi godono di fama e prestigio internazionali da oltre due secoli, tanto che il Conte M. J. De Borch, autore di un notevole lavoro sui tartufi intitolato Lettres sur les truffes du Piemont (pubblicato nel 1780), scrisse: "Qualcuno dice che nel parco di Richmond si trovano tartufi che hanno lo stesso odore di quelli del Piemonte? Credo mi sia permesso mettere in dubbio questa affermazione, poiché non si è ancora visto in nessuna parte d'Europa un prodotto pari a quello di certe province piemontesi". Tuber borchii è un tartufo di limitato valore commerciale se paragonato ai preziosi tartufi bianchi (T. magnatum) e neri (T. melanosporum), ma si tratta comunque di una specie edule molto diffusa in Piemonte la cui importanza è legata soprattutto alla possibilità di utilizzarlo in programmi di riforestazione e di recupero di aree marginali abbandonate. Il mio lavoro di tesi si propone di indagare su alcuni aspetti ancora molto oscuri della biologia di questi funghi, partendo dal presupposto che una conoscenza più approfondita della tipologia dei geni espressi nel corso del ciclo vitale dei tartufi possa far luce sui meccanismi biomolecolari che ne regolano la morfogenesi. Benché gli studi effettuati sui tartufi siano sempre più numerosi, l'alone di fascino e di mistero che li circonda rimane inalterato e ha origini molto antiche. In Europa il tartufo è noto da almeno duemila anni come testimoniano scritti e opere che ne documentano la raccolta, il commercio e la presenza nella dieta dei Sumeri che li univano ad orzo, ceci, lenticchie e senape. Le poche testimonianze naturalistiche dell'antichità classica si devono a Plinio il Vecchio nella sua "Naturalis Historia", in cui si legge a proposito dei tartufi: "sta fra quelle cose che nascono ma non si possono seminare". Non essendo possibile spiegare l'origine dei tartufi, la scienza unita alla credenze popolari lo coprì di mistero a tal punto che studiosi, filosofi e naturalisti azzardarono svariate ipotesi sulla sua origine: Plutarco ne teorizzò la nascita dall'azione combinata di acqua, calore e fulmini; ci fu chi asserì si trattasse di un organo di riproduzione degli insetti, chi lo classificò tra i minerali e chi, addirittura, come un'escrescenza degenerativa del terreno cibo del diavolo e delle streghe.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi biomolecolare
bioinformatica
cdna arrays
corpo fruttifero
funghi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi