Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sull'interfacciamento tra Mathematica e programmi scritti in C

In questa Tesi viene analizzato il programma Mathematica di Wolfram. In particolare lo studio si focalizza sulla comunicazione tra questo applicativo e altri processi (sia in locale che in remoto). Mathematica può così sfruttare funzionalità di altri programmi, semplicemente connettendosi ad essi per richiedere dei servizi. D'altro canto esiste la possibilità che altri programmi sfruttino le potenzialità di Mathematica per le loro elaborazioni. Il protocollo che consente lo scambio dati tra questi processi è MathLink. Nella Tesi sono stati realizzati esempi di routine di calcolo sia stand alone (programmi C) che appoggiandosi a Mathematica per il calcolo effettivo. Sono poi state valutate le differenze di prestazione nei vari casi e su due sistemi operativi diversi: Windows e Macintosh. Lo sviluppo ha portato alla realizzazione di una finestra che funge da FrontEnd e con la quale è possibile richiedere servizi generici al Kernel di Mathematica. I programmi C in Windows sono realizzati con Microsoft Visual C++ 6.0; in MacOs si è utilizzato Metrowerks CodeWarrior 4.1. I sorgenti dei file sono allegati in appendice B. In Appendice C viene presentato una schema per la trasposizione didattica dello studio nelle scuole secondarie superiori e il primo biennio universitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione La continua evoluzione dei calcolatori ha permesso agli scienziati di avvalersi di potenti strumenti per le loro ricerche. Tutti i settori ne hanno beneficiato, rendendo più veloci e sicure diverse fasi dello studio. La potenza di calcolo, però, deve essere gestita in modo opportuno, per evitare che i problemi da risolvere aumentino, invece di diminuire e semplificarsi. Da diversi anni il mercato offre una vasta gamma di soluzioni indirizzate ad ambiti specifici. Dall’altro lato, ci sono sviluppate esperienze per fornire programmi general porpuse, capaci di governare casistiche anche molto diverse. L’indubbio vantaggio è quello di utilizzare lo stesso strumento in molte situazioni e limitare i tempi di apprendimento per gli utenti. Il rischio però è di avere un programma pesante e incapace di soddisfare appieno le esigenze dei diversi ambiti. Il software Mathematica è un pacchetto che fino ad ora ha vinto la sua sfida: il sistema è usato

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Andrea Tolomelli Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1696 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.