Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Psicoterapie on-line

Con lo sviluppo dei computer e delle Reti on-line, ed in particolare di Internet, si è rapidamente imposta una nuova dimensione dell’esperienza umana.
John Suler afferma che il cyberspazio può essere interpretato, in termini psicoanalitici, come una sorta di ''spazio transizionale'', come un'estensione del mondo psichico individuale. L'area transizionale può essere esperita come una zona intermedia tra il sè e il non-sè, e può essere il terreno ideale per l'espressione di fantasie inconsce.
Ciò che in primo luogo colpisce del fenomeno Internet è lo stravolgimento subito dalla comunicazione, in particolare la comunicazione di emozioni, stati d’animo e affetti. In Internet, la comunicazione manca di tutti gli indicatori cinetici e para-linguistici e si affida al solo linguaggio digitale scritto. Virtuale non è, pertanto, assenza di emozioni, ma assenza di fisicità, di limiti fisici e sensoriali, di contatto visivo. In questa nuova “dimensione”, in cui i rapporti interpersonali annullano le distanze spazio-tempo e la fisicità, sono nate le psicoterapie così dette on-line.
Con Internet lo psicoterapeuta e il paziente comunicano, salvo rare eccezioni, esclusivamente per mezzo del testo scritto. Il terapeuta deve gestire il grave problema di non vedere il paziente, di non osservare il suo aspetto, di non cogliere i suoi sguardi, i suoi toni di voce e tutto ciò che facilita il sintonizzarsi sulla sua stessa lunghezza d’onda. Di contro una psicoterapia on-line, attraverso l’e-mail, può facilitare lo sciogliersi delle resistenze e delle difese. L’anonimato aiuta a diminuire l’ansia da giudizio e della svalutazione dell’immagine di sè. Molte persone hanno più facilità a scrivere di emozioni e sentimenti, piuttosto che parlarne. Come dice Suler “l’e-mail non rappresenta soltanto la posta elettronica, essa crea un confine, uno spazio psicologico nel quale due o più persone si incontrano. Il corpo del testo dattiloscritto dell’e-mail riflette la personalità dell’individuo. Una personalità più coercitiva si sforzerà di costruire un testo ben strutturato logicamente; le persone più istrioniche presenteranno un testo con uno stile più drammatico; le persone con tendenze schizoidi scriveranno un testo più conciso, diretto e vigoroso; le persone più impulsive comporranno un testo disorganizzato ed emotivamente ricco” Le e-mail troppo “montate e progettate” rischiano di non essere veritiere, ed essere soltanto di facciata.”

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE All’inizio Internet era un mistero, di quelli che vengono rivelati sottovoce solo agli adepti di strane sette. I suoi riti venivano officiati da poche centinaia di cibersacerdoti nei laboratori mistici di università e centri di ricerca. Qualche anno fa, però, qualche eretico deve avere infranto il voto di segretezza e in breve tempo Internet è stata scoperta e presa d’assalto da milioni di persone in tutto il mondo. Il termine ciberspazio è la traduzione di un neologismo coniato dalla fantastica creatività di William Gibson che lo utilizzò nel suo romanzo fantascientifico Neuromancer 1 uscito nel 1984. La diffusione di Internet presso la popolazione è un fenomeno in crescita rapidissima, grazie anche alla possibilità di accesso gratuito alla Rete. Internet è una massa impressionante di materiale di consultazione, sempre in continua espansione. Una specie d’enciclopedia totale, in cui tutti possono contribuire e scambiare commenti, ma per sua stessa natura unisce enormi imprecisioni a grandi verità. Lèvy vedeva Internet come un luogo estremamente democratico “tutto è sullo stesso piano e nello stesso tempo tutto è differenziato” 2 . Con Internet 1 Gibson W. : Neuromancer, Ace, New York, 1984; trad. it., Neuromante, Editrice Nord, Milano, 1986 2 Lévy P.: Meta Evolve. Disponibile presso il sito: http://www.otal.umd.edu/∼ rccs/books/levy/metaevolve.html

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Alessandra Schietroma Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2737 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.