Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto e implementazione di una interfaccia grafica per lo sviluppo di applicazioni parallele eseguibili su piattaforme di calcolo eterogenee

La presente tesi, dopo una introduzione al metacomputing e agli aspetti della programmazione parallela, presenta una rassegna dei principali ambienti visuali, dandone una valutazione in base alle loro caratteristiche più significative.
Sulla base dell'analisi fatta, è stato progettato ed implementato un nuovo strumento visuale per lo sviluppo di applicazioni parallele in ambiente eterogeneo.

Mostra/Nascondi contenuto.
IntroduzioneEsistono problemi computazionalmente pesanti per la cui soluzione e possi-bile utilizzare un insieme eterogeneo di risorse, interconnesse per mezzo diuna rete, viste come un singolo calcolatore parallelo a memoria distribuita(metacalcolatore). Questi problemi si compongono generalmente di piusottoproblemi che presentano di erenti tipi di parallelismo. E signi cativa, ariguardo, una osservazione del ricercatore Richard Freund, secondo la quale\un singolo supercalcolatore spende la maggior parte del tempo per eseguirecodice per cui non e adatto" [Fre89]. Da queste considerazioni nasce l'idea disuddividere le applicazioni che risolvono tali problemi in piu moduli da asse-gnare ad un insieme eterogeneo di calcolatori, in modo che ciascun modulosia assegnato alla macchina che meglio si presta ad eseguirlo. Per de nirequesto approccio vengono utilizzati termini quali Distributed HeterogeneousComputing e Metacomputing.Lo sfruttamento appieno delle potenzialia di un metacalcolatore presenta,pero, numerosi e complessi problemi sia dal punto di vista hardware che daquello software. Allo stato dell'arte, le tecnologie e gli strumenti disponibilio rono soluzioni soddisfacenti per molti di questi problemi, mentre per altricio non e ancora possibile e molta ricerca e ancora necessaria. Ad esempio,sono stati realizzati pacchetti software per gestire le comunicazioni fra pro-cessi residenti su macchine diverse. D'altra parte, per altri problemi, quali,ad esempio, la rilevazione automatica del parallelismo nelle applicazioni (codetype pro ling) e l'assegnamento ottimale dei processi agli elaboratori (map-1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimiliano Gherardi Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1034 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.