Skip to content

L'Accademia Nazionale e altre aperture teatrali in Italia nel secondo decennio del fascismo

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Morselli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Relatore: Claudio Meldolesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

Nel corso degli anni trenta lo Stato fascista, mutando strategia rispetto a quella tradizionale di assenteismo dei precedenti governi liberali, impresse una decisa svolta strutturale alle vicende sceniche nazionali. La pianificazione corporativa, razionalizzando e concentrando la vita teatrale nei grandi centri urbani, causò una sensibile riduzione della produzione. Il sistema delle sovvenzioni funzionalizzò il lavoro dell’attore, tentando di inibire la genialità del teatro all’antica italiana. A tale chiusura si oppose Anton Giulio Bragaglia, portatore con il Teatro degli Indipendenti, cui è dedicato il primo capitolo, di inquietudini e di possibilità teatrali alternative alla normalizzazione in atto. Fondamentale fu poi il ruolo svolto in tutte le iniziative di apertura e di sprovincializzazione del teatro italiano di quegli anni da Silvio d’Amico, figura centrale di questo studio. Nel secondo capitolo è evidenziato il suo impegno di riformatore, in primo piano in ogni manifestazione di apertura del grigio panorama teatrale nazionale: dal Convegno Volta sul teatro drammatico ai grandi spettacoli all’aperto del Maggio Musicale Fiorentino. All’invenzione più fortunata di d’Amico, l’Accademia Nazionale, istituzione pedagogica, indispensabile per sopperire al tramonto del sistema dei figli d’arte nella formazione delle nuove leve artistiche, e centro di diffusione della nuova figura del regista nel nostro teatro, è dedicato il capitolo successivo, basato tra l’altro sulle testimonianze da me raccolte di Luigi Squarzina e di Alessandro d’Amico, e riportate interamente in appendice. Incontro tra apertura europea alla regia e rivalutazione della grande tradizione attoriale italiana, l’Accademia era il coronamento di un impegno ventennale del presidente, condotto nelle sedi più svariate, giornalistiche, ministeriali ed istituzionali. L’ultimo capitolo registra l’emergere, negli ultimi anni del regime, di energie giovanili poco assimilabili e dei primi impulsi antifascisti all’interno dei luoghi pedagogici fondamentali, assieme all’Accademia, per gli sviluppi futuri del teatro italiano: il Teatro delle Arti di Bragaglia e i Teatriguf.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Nel corso degli anni trenta il regime fascista consolidò la propria influenza nella società civile, operando, come in altri settori, anche in campo teatrale secondo linee di deciso intervento pubblico, in senso autoritario e a tutti i livelli: organizzativo, legislativo, economico ed artistico. Pur nella sostanziale assenza di un disegno di sviluppo organico, il mutamento di strategia intrapreso dallo Stato rispetto alla tradizionale assenza dei precedenti governi liberali, impresse una decisa svolta strutturale alle vicende sceniche nazionali, determinando il passaggio ad un nuovo sistema teatrale. La particolare attenzione con cui ogni aspetto del processo lavorativo, dai calendari delle stagioni alla censura, dalla selezione delle compagnie al sistema delle sovvenzioni, fu pianificato e controllato a livello centrale secondo gli intendimenti di istituzioni di recentissima creazione, come la Corporazione dello Spettacolo e la Direzione generale del Teatro, rappresentò appunto una novità assoluta per un settore artistico da sempre affidato all’iniziativa privata. Fino a tutti gli anni venti la vita teatrale era regolata secondo criteri organizzativi tipicamente preindustriali, di stampo ottocentesco: vi agivano infatti le compagnie semi-familiari, disciplinate nella loro organizzazione dalle consuetudini della tradizione. I caratteri principali di tali formazioni, descritti efficacemente da Sergio Tofano nel suo libro Il teatro all’antica italiana, erano il nomadismo, dovuto alla continua ricerca di nuovi mercati, la ricomposizione dei gruppi artistici su scadenze triennali, l’omogeneità dei repertori tra compagnia e compagnia e, infine, la genericità dei corredi scenici e dei costumi, da cui il rischio frequente di superare i limiti della cosiddetta “guitteria”. 1 Tipico modello recitativo era quello del “grande attore”, per cui l’interprete, posto al centro dello spettacolo, professava il primato del personaggio ai danni del testo drammatico, il quale veniva trasformato e rimodellato per esaltare la sua performance attorica. Il metodo di 1 Cfr., Sergio Tofano, Il teatro all’antica italiana e altri scritti di teatro, (a cura di Alessandro Tinterri), Roma, Bulzoni, 1985.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accademia d'arte drammatica
fascismo
teatro
regia teatrale
silvio d'amico
storia del teatro italiano
anton giulio bragaglia
storia del teatro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi