Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentatività negoziale del sindacato nel pubblico impiego

Oggetto della tesi è la nozione di rappresentatività negoziale del sindacato nel pubblico impiego. La tesi si articola in cinque capitoli; il primo capitolo ha carattere introduttivo: si incentra dapprima sulle origini della contrattazione collettiva nel pubblico impiego e della nozione di sindacato maggiormente rappresentativo, ne segue l'evoluzione ed affronta quindi i vari tentativi di superamento della nozione per via contrattuale, per via parlamentare ed infine per via referendaria, fino all'abrogazione nel 1995. Il secondo capitolo affronta il dibattito del post referendum ed esamina le tematiche de iure condito. Il terzo ed il quarto capitolo sviluppano il nuovo concetto di rappresentatività negoziale illustrando rispettivamente le deleghe alle OO.SS. e le elezioni delle RSU. Il quinto ed ultimo capitolo rende conto de iure condendo dello stato dei lavori parlamentari aventi ad oggetto la rappresentatività sindacale.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 2 PRESENTAZIONE 1.1 Oggetto della tesi è la nozione di rappresentatività negoziale del sindacato nel pubblico impiego. La nozione è comune a tutto il mondo del lavoro- pubblico o privato che sia- ma nel lavoro pubblico si riempie di contenuti specifici, dovuti alla natura propria del contraente datoriale. Il sindacato che ha la forza per imporsi all’imprenditore privato, nello svolgimento della sua attività di autotutela, come contraente, per ciò stesso è agente negoziale (art 19 Statuto Lavoratori). Non è la stessa cosa per il datore di lavoro pubblico: “qui l’attività contrattuale, misurata anche dai contratti conclusi, è conseguenza non premessa della rappresentatività” 1 . La disciplina del settore pubblico, pur avendo punti di contatto, corre parallela con quella del settore privato: semmai- e ne è testimonianza il dibattito parlamentare ancora in corso sul d.d.l. C136 ed abb.- emerge il tentativo, fortemente contrastato, di estendere al lavoro privato la disciplina del pubblico impiego in materia di rappresentatività sindacale. 1 T. TREU, Commento all’art 8 del DPR n. 395/88, in “Nuove leggi civili commentate” 1988 pag 1034. In questo senso anche P.CAMPANELLA, Rappresentatività sindacale: fattispecie ed effetti, Milano, 2000 pag 237 e 253.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mario Centini Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4321 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.