Skip to content

''L'Unità'' dal 1990 al 2000. Il perché di una crisi

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Di Marco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Francesco Malgeri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

In questo lavoro vengono ripercorsi dieci anni di storia, dal 1990 al 2000, di uno dei più importanti quotidiani italiani: “l’Unità”. Dieci anni osservati attraverso le scelte dei direttori, la linea editoriale, i contrasti con l’editore-partito, gli articoli e gli editoriali più discussi, ed ancora, la grafica e l’impaginazione, i gadget e l’innovazione delle videocassette, gli andamenti delle vendite.
Per meglio comprendere le vicende e le problematiche legate al giornale, viene anche ricostruita la storia precedente del quotidiano di Gramsci, dalle origini fino al 1990. Segue quindi un’indagine sulle cause che hanno portato alla crisi e successivamente, nel luglio del 2000, alla chiusura del giornale di partito. Utilizzando come punto di riferimento la ricostruzione storica effettuata, vengono individuate tre cause fondamentali del declino del giornale: il fatto di essere quotidiano di partito; la concorrenza dei giornali che facevano riferimento allo stesso target di lettori ed in particolare di “Repubblica”; infine le responsabilità dell’editore-partito prima e di quello privato poi.
Per quanto riguarda la prima causa, si dimostra come la sua condizione particolare di “giornale di partito”, in un contesto in cui l’editoria legata a formazioni politiche e le associazioni partitiche stesse sembrano avviarsi sul viale del tramonto comporti degli svantaggi di gran lunga superiori ai benefici derivanti dagli ingenti finanziamenti statali.
Inoltre nel riferirsi ad un target molto più esteso di quello di partenza, “l’Unità” si metteva in diretta concorrenza con “la Repubblica”, un giornale che in pochi anni ha saputo affermarsi in una fetta di mercato chiaramente delimitata, la stessa a cui si rivolge “l’Unità”, quella composta dai lettori dell’area politica di sinistra,
possedendo però ben altri mezzi e risorse per affrontare il mercato editoriale.
Infine, si è fatto riferimento alle responsabilità, le leggerezze e l’incuria del vecchio partito-editore e dei nuovi gestori.
Per quanto riguarda i primi è mancata la capacità di tenere sotto controllo i costi, sia quelli relativi alle promozioni editoriali, sia quelli legati agli organici. Vengono forniti, infatti, vari dati che dimostrano come le sole spese per poligrafici e giornalisti giungevano quasi ad eguagliare gli incassi provenienti dalle vendite. Per quanto riguarda i soci privati, essi si sono dimostrati poco inclini ad investire per un rilancio del quotidiano e a mettere mano alle proprie risorse. Hanno inoltre favorito delle scelte aziendali dissennate come le retribuzioni o le liquidazioni elevate concesse a chi nel giornale ha lavorato per periodi molto brevi.
L’intervista a Giuseppe Caldarola, direttore dell’ “Unità” dal ’96 al ’98 e successivamente dal ’99 al momento della chiusura, che viene presentata in questo lavoro conferma i ragionamenti fin qui portati avanti.
Completa la tesi un’appendice contenente una rassegna di immagini riguardanti alcune storiche prime pagine del quotidiano, relative al decennio oggetto d’indagine, ed alcune pubblicità che illustrano la politica editoriale e di marketing (inserti, gadget, allegati) del quotidiano fondato da Gramsci.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione “L’Unità”, testata storica del panorama editoriale italiano, cessa le pubblicazioni il 28 luglio del 2000. Nel tracciare gli ultimi anni di storia del quotidiano fondato da Antonio Gramsci, tenteremo di individuare le cause che ne hanno determinato la chiusura, ben sapendo che è difficile valutarne la portata e che a volte la loro natura è controversa. Sono stati dieci anni veramente intensi, gli ultimi vissuti dal giornale dei Ds. Anni di grandi mutamenti, di sfide, di innovazione, di speranze e delusioni, di errori e meriti indiscutibili, di vicissitudini che sono parte della storia non solo del nostro giornalismo ma del nostro stesso paese. Innegabile è infatti il ruolo svolto dall’ “Unità”, fin dalla sua nascita, nella vita sociale e civile italiana. Ciononostante non esiste ancora una trattazione esaustiva e sistematica del quotidiano di partito dalle origini al luglio del 2000. Una ricostruzione della vita dell’ “ammiraglia” del Pci, dalla nascita fino al 1990, sarà l’oggetto della prima parte di questo lavoro e fungerà da premessa per la trattazione successiva. Passeremo poi, al decennio al centro della nostra attenzione. Le scelte dei direttori, la linea editoriale, i contrasti con l’editore- partito, gli articoli e gli editoriali più discussi, ed ancora, la grafica e l’impaginazione, i gadget e l’innovazione delle videocassette, gli andamenti delle vendite. Sarà quindi la volta dell’indagine sui motivi della crisi dell’ex quotidiano comunista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

editoria
inserti editoriali
l'unità
mercato editoriale
storia del giornalismo
quotidiani
crisi dell'editoria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi