Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi del cammino su tapis roulant: influenza della cedevolezza del tappeto

Gli effetti che ha la cedevolezza del tapis roulant sulla cinematica e dinamica articolare durante un atto motorio di corsa si riflettono particolarmente alle articolazioni di anca e caviglia. Il presente studio sperimentale si propone di analizzare quantitativamente quali essi siano.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE CONTESTO E RILEVANZA L’analisi del cammino si propone di rilevare la posa dei segmenti corporei per misurare grandezze quali angoli articolari e forze trasmesse. Per raggiungere tale fine possono essere utilizzati sistemi diversi, quali stereofotogrammetria e baropodometria. L’utilizzo del tapis roulant è molto diffuso nel mondo del fitness e per questo è interessante conoscere come diverse caratteristiche costruttive inducano diversi pattern cinematici. In letteratura sono presenti studi che prendono in considerazione le differenze tra corsa su terreno e tapis roulant che forniscono spunti da cui partire per analizzare le differenze tra due tapis roulant. Le spiegazioni delle differenze biomeccaniche tra la corsa su terreno e su tappeto possono essere diverse. In primo luogo, fattori non meccanici come la familiarità con quel tipo di corsa o la diversità negli stimoli visivi ed auditivi possono modificare i pattern motori di un soggetto in corsa. In secondo luogo, differenze nella resistenza dell’aria possono alterare i movimenti dei segmenti corporei. In terzo luogo, differenze nella durezza della superficie di corsa possono indurre una variazione della rigidezza della gamba. Quarto, l’energia che può essere scambiata tra corridore e tappeto se la velocità del nastro non è costante tra un passo e l’altro (intra- stride belt speed variabilità) può modificare la cinematica degli arti inferiori. L’utilizzo di un tappeto ad alta potenza è un metodo per evitare che vi siano differenze nei pattern motori imputabili alla variabilità della velocità del nastro tra un passo e l’altro. Sono state riscontrate differenze tra corsa su terreno e su tappeto in termini di cinematica articolare, in particolare a livello di ginocchio ed anca (Savelberg et al. 1998). Inoltre la corsa su terreno solitamente presenta una superficie più dura rispetto ad un tapis roulant. È stato dimostrato (Ferris et al. 1999) che correndo su superfici con differenti proprietà meccaniche la gamba regola la propria rigidità in funzione di quella della superficie, e questo porta ad un cambiamento nella cinematica degli arti inferiori. Diversi studi ( Frishberg 1983; Savelberg et al. 1998; Nigg et al. 1995) hanno

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Filippo Montalti Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3454 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.