Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I musei della scienza e l'ambiente Internet

La ricerca ha considerato le opportunità offerte dalla rete alle istituzioni museali scientifiche.
Sono state esplorate tre aree, più una quarta slegata dalle istituzioni museali tradizionali:

possibilità di promozione, pubblicità
opportunità di risolvere alcuni problemi del mondo museale
possibilità di diffusione e divulgazione on-line

possibilità di musei della scienza solo virtuali, risolta non tanto nel web quanto in comunità virtuali tipo Mud (MicroMuse).

È stato effettuato un monitoraggio di 40 siti di musei della scienza allo scopo di capire cosa offrano i siti web e quale finalità sia loro data dagli operatori museali.
La formula più ricorrente è un sito che dà visibilità e promozione a livello mondiale oltreché informazioni per una visita più consapevole, aggiorna sul mondo della scienza, è memoria delle mostre temporanee ormai concluse, ed è attivo come esempio dell'attività di diffusione e divulgazione dell'istituzione di cui è emanazione, attraverso anche collezioni ed exhibition solo on-line multimediali ed interattive. I musei in rete si pongono quindi come complementari ai musei "reali".
Le esperienze più avanzate di divulgazione on-line, dedicate al momento a ristretti gruppi (scuole), sfruttano Internet come luogo di connettività, in accordo con gli ultimi studi sulla formazione a distanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’esperienza del museo è sempre qualcosa di molto personale. All’interno di questi luoghi, in base al tempo, agli interessi, alle preconoscenze ed anche al caso, ognuno compie una propria visita. Il visitatore ordina e interpreta quanto gli sta esposto davanti, che qualcuno ha organizzato in uno o più percorsi. Ogni oggetto è un nodo di una rete, i cui fili sono le infinite relazioni di senso che lo legano a tutti gli altri. Il museo è progettato, letto e interpretato come un testo/ipertesto. Il museo è solo una delle tante invenzioni dell’uomo in cui vi è in nuce l’idea di ipertesto. L’ipertesto è una delle parole chiave del nostro tempo, una forma mentis applicabile a molti campi della vita umana. Non è comunque l’unica realtà a ricoprire questo ruolo nel nostro secolo, bensì divide questo compito con i concetti di rete, di informazione e di comunicazione. A proposito di quest’ultima G.P.Caprettini e P.Ortoleva, nell’introduzione all’edizione italiana di Storia dei Media di J.N.Jennerey 1 , scrivono che essa da una parte è attività universale, necessaria e presente in tutte le società, dall’altra che essa nel ‘900 si manifesta con un carattere di novità che la pongono al centro dell’attenzione umana. Per l’ipertesto succede la stessa cosa: non è una invenzione recente ma è solo oggi, mentre si sta realizzando tramite le tecnologie legate ai computer e alla telematica, che viene concettualizzato ed è applicato per spiegare ed esemplificare molte realtà di ieri e di oggi. Rispetto a quelli ipertestuali, i percorsi possibili del museo sono sia fisici, sia mentali. Il visitatore passeggia tra teche e spiegazioni, collega ciò di cui fa esperienza al proprio bagaglio culturale, modificandolo in qualche misura. Egli progetta e costruisce la propria visita quanto il proprio sapere. I musei in Internet sono ormai centinaia, molti di questi siti hanno molta risonanza e vengono recensiti dalle riviste del settore. Il fenomeno sembra sia in continua crescita, la pagina degli aggiornamenti della WWW Virtuial Library relativa ai siti-musei riporta nuove entrate quasi tutti i giorni. 1 J.N.Jenneney, Storia dei Media, Editori Riuniti, Roma, 1996

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sonia Angelino Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2789 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.