Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il finanziamento del settore non profit: la prospettiva della banca etica

La tesi ha esaminato in modo completo l variegato mondo dell'associazionismo no profit, ormai spesso organizzato con modalità avanzate già simili a quelle di un'azienda profit, con particolare riferimento alla raccolta fondi (fundraising) e marketing operativo.
Vengono inoltre approfonditamente esaminate, una ad una, tutte le organizzazioni sociali che con i loro input hanno dato vita all'attuale Banca Popolare Etica.
E' stato inoltre effettuato un approfondito sondaggio presso tutti quegli aderenti, che hanno manifestato la loro disponibilità, facenti parte dei gruppi di iniziativa locale delle regioni Marche e Romagna, da cui emerge il profilo tipo del volontario che si impegna nel Terzo Settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Secondo le teorie economiche maggiormente condivise, alla base delle regole del mercato vi è la presupposizione che i soggetti in esso operanti siano mossi da relazioni opportunistiche, nel senso che ciascuno degli attori è volto alla massimizzazione del proprio interesse egoistico; in tali relazioni vi sono comunque soggetti che non agiscono in tal modo, ma il fatto che non si possa escludere che nella transazione almeno uno degli interlocutori non sia mosso da considerazioni egoistiche, fa sì che nell’affrontare le regole di funzionamento del sistema economico si debba tenere conto che ognuno può agire per massimizzare il proprio interesse. A ben guardare la realtà in cui ci troviamo ad agire ci accorgiamo che essa non è riconducibile tutta a questo schema, ma esistono relazioni, anche molto importanti, non mosse da relazioni opportunistiche, bensì da relazioni fiduciarie. In questo tipo di relazioni il soggetto che interagisce con un altro si attende da lui che agisca sulla base di altri principi, quali la massimizzazione di un interesse collettivo o il perseguimento di un ideale etico. In questo contesto si inseriscono le organizzazioni non profit, operanti secondo logiche e pratiche diverse da quelle dello Stato o delle imprese private tradizionali e finalizzate alla massimizzazione dell’interesse collettivo, piuttosto che di quello individuale. L’organizzazione non profit gode di una situazione di vantaggio rispetto alla sua omologa profit che può essere spesa sul mercato, perché l’esistenza di rapporti

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Lampetti Contatta »

Composta da 357 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8792 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.