Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La logica formale e l'elaborazione del criticismo

Il ruolo della logica formale nell'elaborazione della filosofia critica di Kant.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Logica formale e criticismo Attualità della tesi. L’interesse per la logica è uno dei motivi più fecondi emersi, o per meglio dire riemersi – perché in filosofia nulla è mai assolutamente nuovo e nulla definitivamente perduto – negli studi kantiani. La centralità e la vitalità del tema è testimoniata, in Italia, da tre traduzioni delle lezioni kantiane di logica 1 ; in Inghilterra, dall’inserimento delle lezioni di logica 2 nella ampia traduzione inglese degli scritti di Kant; in Germania, dalla pubblicazione degli Indices dedicati al corpus logicum kantiano 3 , e infine dall’annunciata edizione di tre nuovi corsi di logica 4 . Con ciò si ripropone l’importanza della problematica logica (in senso ampio, non solo ‘formale’) con la filosofia critica di Kant. Obiettivi e sommario della tesi. La tesi qui sostenuta è che nella genesi della filosofia critica kantiana un posto del tutto particolare spetti alla logica formale. L’obiettivo principale del lavoro è dimostrare la rilevanza della logica nella costruzione del criticismo. Il rapporto specifico tra logica e critica viene rilevato in due ambiti: uno storico e uno strutturale. La parte storica (Parte I) descrive l’evoluzione di alcune dottrine ‘logiche’ degli scritti precritici che poi sono confluite nella Critica della ragion pura. La parte teorica (Parte II) attua un confronto fra la logica formale e la logica trascendentale, attraverso l’analisi della Critica della ragion pura. Conclude il lavoro una riflessione sullo scopo che Kant assegna alla filosofia, tema per il quale è rilevante la lettura della Logica. 1 Immanuel Kant, Logica, a cura di Leonardo Amoroso, Laterza, Roma-Bari 1995; Immanuel Kant, Logica. Un manuale per lezioni, a cura di Mirella Capozzi Bibliopolis, Napoli 1990; Immanuel Kant, Logica di Vienna, a cura di Bruno Bianco, Francoangeli, Milano 2000. 2 Immanuel Kant. Lectures on logic, a cura di J. Michael Young, Cambridge 1992. 3 Gli Indices, pubblicati nella terza sezione della collana Forschungen und Materialiten zur deutschen Aufklärung, presso l’editore Frommann-Holzboog, dedicati al corpus logicum, sono a cura di Norbert Hinske. Segnaliamo le uscite più importanti: Kant-Index, Bd. 2: Stellenindex zu «Immanuel Kant's Logik» (Logik Jäsche), Studienausgabe, Stuttgart-Bad Cannstat 1999; Kant-Index, Bd. 3: Stellenindex und Konkordanz zur «Logik Blomberg», 3 tomi, Stuttgart-Bad Cannstatt 1989-90; Kant-Index, Bd. 5: Stellenindex und Konkordanz zur «Wiener Logik», 2 tomi, Stuttgart-Bad Cannstatt 1999; Kant-Index, Bd. 14: Personenindex zum Logik-corpus, Stuttgart-Bad Cannstat, 1991. 4 W. Stark, «Neue Kant-Logiken», in: R. Brandt e W. Stark (a cura di), Kant-Forschungen Bd. 1: Neue Autographen und Dokumente zu Kants Leben, Schriften und Vorlesungen, Hamburg 1987.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Manca Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1483 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.