Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'area protetta quale laboratorio di sostenibilità: il caso dell'istituendo Parco del Carso

La più importante finalità di questo lavoro è quella di fornire delle indicazioni su come possa essere perseguito uno sviluppo improntato sulla sostenibilità ambientale, economica e sociale nell’area del Carso destinata ad essere tutelata mediante un parco naturale.
Dopo aver definito il concetto di sviluppo sostenibile, verrà così evidenziato (cap.1) il legame che può sussistere tra il perseguimento di un tale genere di sviluppo e le aree protette, analizzando le finalità per le quali queste ultime vengono istituite e le modalità con cui è organizzabile la loro gestione.
Si proseguirà (cap. 2) con l’analisi dei principali strumenti normativi, esistenti oggi a livello internazionale, comunitario e statale, volti a promuovere e regolare la tutela e la protezione ambientale. Si restringerà poi il campo d’azione alla legislazione, statale e soprattutto regionale, che interessa direttamente il Parco del Carso, tentando di evidenziare quelli che vengono in genere ritenuti i punti di forza e di debolezza di tali norme.
Verrà quindi dato un rapido sguardo (cap. 3) alle caratteristiche morfologiche e naturalistiche dell’area carsica, per poi soffermarsi sulle azioni che l’uomo ha esercitato sul territorio nel corso della storia. Queste ultime hanno necessariamente uno stretto legame con le attività economiche tradizionali e con gli assetti giuridici che le comunità locali hanno instaurato nelle terre da essi abitate.
Nei due capitoli successivi (4 e 5), che costituiscono la parte centrale dell’opera, verranno analizzate le possibilità di sviluppo socio-economico dell’area interessata, riguardanti principalmente le attività agro-silvo-pastorali e il turismo, che, in una zona rurale come quella carsica, costituiscono evidentemente dei settori-chiave. Per quanto concerne in particolare le attività turistiche verrà suggerito come un turismo sostenibile, ecologico, culturale, appaia l’unico tipo di turismo in grado di valorizzare le peculiarità della zona del Carso e l’unico capace di coniugarsi efficacemente con la conservazione della natura.
Infine si cercherà di comprendere (cap. 6) a quale punto si sia attualmente giunti nel processo, protrattosi ormai per troppi anni, che dovrebbe portare all’istituzione del Parco del Carso. Si analizzeranno così le diverse proposte avanzate e i diversi scenari che si potranno prospettare in un futuro sperabilmente non troppo lontano e che vedono come situazione ideale l’istituzione di un Parco Internazionale transfrontaliero o comunque una gestione delle aree protette in stretta collaborazione con la Repubblica di Slovenia, in cui oggi si trova la parte maggioritaria del Carso.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA La più importante finalità di questo lavoro è quella di fornire delle indicazioni su come possa essere perseguito uno sviluppo improntato sulla sostenibilità ambientale, economica e sociale nell’area del Carso destinata ad essere tutelata mediante un parco naturale. Dopo aver definito il concetto di sviluppo sostenibile, verrà così evidenziato (cap.1) il legame che può sussistere tra il perseguimento di un tale genere di sviluppo e le aree protette, analizzando le finalità per le quali queste ultime vengono istituite e le modalità con cui è organizzabile la loro gestione. Si proseguirà (cap. 2) con l’analisi dei principali strumenti normativi, esistenti oggi a livello internazionale, comunitario e statale, volti a promuovere e regolare la tutela e la protezione ambientale. Si restringerà poi il campo d’azione alla legislazione, statale e soprattutto regionale, che interessa direttamente il Parco del Carso, tentando di evidenziare quelli che vengono in genere ritenuti i punti di forza e di debolezza di tali norme. Verrà quindi dato un rapido sguardo (cap.3) alle caratteristiche morfologiche e naturalistiche dell’area carsica, per poi soffermarsi sulle azioni che l’uomo ha esercitato sul territorio nel corso della storia. Queste ultime hanno necessariamente uno stretto legame con le attività economiche tradizionali e con gli assetti giuridici che le comunità locali hanno instaurato nelle terre da essi abitate. Nei due capitoli successivi (4 e 5), che costituiscono la parte centrale dell’opera, verranno analizzate le possibilità di sviluppo socio-economico dell’area interessata, riguardanti principalmente le attività agro-silvo- pastorali e il turismo, che, in una zona rurale come quella carsica, costituiscono evidentemente dei settori-chiave. Per quanto concerne in particolare le attività turistiche verrà suggerito come un turismo sostenibile, ecologico, culturale, appaia l’unico tipo di turismo in grado di valorizzare le peculiarità della zona del Carso e l’unico capace di coniugarsi efficacemente con la conservazione della natura.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Carli Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2115 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.