Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo spandimento in mare di idrocarburi

Si tratta di un'analisi del Sistema della Convenzione CLC dalla sua preparazione (studi e proposte) fino alla sua emanazione ed attuazione. Il periodo analizzato va dal 1969 fino al 2001. Sono state inoltre analizzate anche le recentissime proposte di modifica sulla base degli ultimi incidenti che hanno provocato disastri ecologici marini.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Il Sistema della Convenzione CLC 1969 SOMMARIO — 1. Ragioni di una disciplina dello spandimento in mare di idrocarburi — 2. Peculiarità del sistema C.L.C. — 3. Presupposti di applicazione del sistema C.L.C. 1. Ragioni di una disciplina dello spandimento in mare di idrocarburi. L’inquinamento delle acque del mare è un aspetto del più ampio fenomeno dell’inquinamento ambientale( 1 ), situazione che si ( 1 ) Si fa riferimento alla definizione del termine inquinamento trovata nel sito internet dell’Eni, www.eni.it, nella sezione Le parole dell’ambiente. «Alterazione dei parametri fisici, chimici e biologici propri di un ambiente, in stato di equilibrio, provocata dalle attività umane. L’inquinamento può riguardare il suolo, le acque e l’aria. Tra gli agenti inquinanti si distinguono: sostanze organiche, quali idrocarburi, clorofluorocarburi, il cui effetto dannoso è provocato da un accumulo anomalo; sostanze inorganiche, come metalli pesanti, amianto ed altre sostanze che esercitano un’azione tossica sull’uomo, gli animali, le piante o l’ambiente nel suo insieme; fonti sonore, come il traffico automobilistico o le attività produttive che provochino disturbi acustici; fonti di calore, come gli scarichi di acque a temperatura superiore a quella ambiente; fonti di radiazioni pericolose (ad esempio quelle ionizzanti) o anche di per sé non dannose (ad esempio, la luce) o di incerto effetto (le onde elettromagnetiche). L’inquinamento può manifestarsi su scala locale, come avviene nella maggior parte dei casi, o globale, come succede nel caso delle emissioni inquinanti che provocano l’effetto serra o il buco nell’ozono.»

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Sagazio Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3220 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.