Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto tra metodi di rilevazione in un'indagine sulla percezione della pericolosità

La tesi si propone di effettuare un confronto tra la valutazione che un campione di individui attribuisce al proprio senso di rischio e di insicurezza di fronte a due diversi modi di rilevazione: per intervista telefonica e per autocompilazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Lo sviluppo delle istituzioni sociali moderne e la loro diffusione mondiale hanno concesso agli esseri umani molte più opportunità di trascorrere un’esistenza sicura e soddisfacente di qualsiasi altro tipo di sistema premoderno. Ma la modernità ha anche un lato oscuro… si pensi ad alcuni degli aspetti deteriori della modernità che incidono sulla vita quotidiana degli individui: disastri ecologici, conseguenze dovute all’intensificarsi dell’industrializzazione della guerra, consumismo, malattie del benessere… Fino agli anni ’70 - ’80 nel nostro paese la cultura dominante sottovalutava l’importanza di tali fenomeni e soprattutto era indifferente alla paura che tali avvenimenti potessero suscitare nella gente comune. Intellettuali e ricercatori di varia formazione si sono a lungo rifiutati di considerare tale paura come un problema di rilievo, negando che essa esistesse o sostenendo che era del tutto irrazionale dal momento che ritenevano fosse frutto delle manipolazioni dei mass-media e del potere politico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Alessandra Gizzi Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1526 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.