Skip to content

Love story. Appunti di una storia del gossip in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Santino Fiorillo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Guido Panico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 236

Ogni epoca ha le storie d’amore che si merita, e non è una scoperta che anche le “intermittenze del cuore” siano termometro del costume. Sui rotocalchi italiani nati dopo il referendum del ’46, all’ombra della nostalgia per le teste coronate, furoreggiavano le storie d’amore tra principesse e vigorosi borghesi che si rivelarono specchio di tempi e di rapidi cambiamenti sociali.
Oggi invece, a tener banco sono le paradossali telenovelas a base di vescovi esorcisti che si sposano per finta per poi ritornare sui loro passi, di patetiche telefonate erotiche dell’eterno erede al trono d’Inghilterra alla sua attempata amante o ancora delle minuziose cronache sul “sesso orale nella Camera Ovale” tra Bill Clinton e Monica Lewinsky alla Casa Bianca.
I giornali vittime più che rei fanno sempre più da cassa di risonanza a notizie tutto sommato dai tratti grigi e scontati, raccattando in giro tutto ciò che il mercato offre.
Perché, comunque, di amore nei giornali bisogna parlare, senza pregiudizi o sussiegosi disprezzi verso ciò che è “rosa”.
Ripercorrere le love story degli ultimi cinquant’anni significa soprattutto conoscere un tratto significativo della recente storia del costume e dell’informazione, ci ricorda quanto alacre fosse il lavoro della Sacra Rota, decisiva nei “batticuori da scoop” degli anni Cinquanta prima dell’approvazione del divorzio, di quanto pesasse una legislazione che puniva con la galera il concubinato.
Erano anni in cui il moralismo interferiva in vicende politiche, carriere e storie personali come quelle di Togliatti e Nilde Iotti, Maria Callas e Aristotele Onassis, Fausto Coppi e Giulia Occhini.
Fino agli anni Sessanta, i giornali seri mantennero un approccio di distaccato interesse nei confronti delle love story. I grandi cronisti, abituati ai delitti di stato e di letto, disdegnavano di abbassarsi al livello di Mina e Corrado Pani, di Coppi e Giulia Occhini, la famosa “Dama Bianca”, di Gigi Riva e Gianna Tofanaro, subito ribattezzata la “Dama Bionda”. Tutti i rotocalchi che di quella “robaccia” facevano fior di pagine e di tirature venivano additati come frivoli, inutili, di poco conto.
La svolta si ebbe nel ferragosto del 1958, in Via Veneto, dove si accesero furibonde liti tra alcuni vip e un fotoreporter, Tazio Secchiaroli. La cronaca di quella notte apparve su un quotidiano, Il Giorno, una testata particolarmente interessante, in quanto innovativa e addirittura di rottura rispetto al giornalismo tradizionale. Il rilievo dato alla notizia sul fotoreporter potrebbe oggi apparire del tutto marginale, ma quella colonnina di piombo, per la sua inusualità e per il significato giornalistico che ha avuto, fu invece, un momento fondamentale nella storia del fotogiornalismo: costituì il vero e proprio inizio del periodo cosiddetto della “cronaca rosa”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ogni epoca ha le storie d�amore che si merita, e non � una scoperta che anche le �intermittenze del cuore� siano termometro del costume. Sui rotocalchi italiani nati dopo il referendum del �46, all�ombra della nostalgia per le teste coronate, furoreggiavano le storie d�amore tra principesse e vigorosi borghesi che si rivelarono specchio di tempi e di rapidi cambiamenti sociali. Oggi invece, a tener banco sono le paradossali telenovelas a base di vescovi esorcisti che si sposano per finta per poi ritornare sui loro passi, di patetiche telefonate erotiche dell�eterno erede al trono d�Inghilterra alla sua attempata amante o ancora delle minuziose cronache sul �sesso orale nella Camera Ovale� tra Bill Clinton e Monica Lewinsky alla Casa Bianca. I giornali vittime pi� che rei fanno sempre pi� da cassa di risonanza a notizie tutto sommato dai tratti grigi e scontati, raccattando in giro tutto ci� che il mercato offre. Perch�, comunque, di amore nei giornali bisogna parlare, senza pregiudizi o sussiegosi disprezzi verso ci� che � �rosa�. Ripercorrere le love story degli ultimi cinquant�anni significa soprattutto conoscere un tratto significativo della recente storia del costume e dell�informazione, ci ricorda quanto alacre fosse il lavoro della Sacra Rota, decisiva nei �batticuori da scoop� degli anni Cinquanta prima dell�approvazione del divorzio, di quanto pesasse una legislazione che puniva con la galera il concubinato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costume
cronaca rosa
evoluzione della sessualità
gossip
paparazzi
pettegolezzo
storia del giornalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi