Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Love story. Appunti di una storia del gossip in Italia

Ogni epoca ha le storie d’amore che si merita, e non è una scoperta che anche le “intermittenze del cuore” siano termometro del costume. Sui rotocalchi italiani nati dopo il referendum del ’46, all’ombra della nostalgia per le teste coronate, furoreggiavano le storie d’amore tra principesse e vigorosi borghesi che si rivelarono specchio di tempi e di rapidi cambiamenti sociali.
Oggi invece, a tener banco sono le paradossali telenovelas a base di vescovi esorcisti che si sposano per finta per poi ritornare sui loro passi, di patetiche telefonate erotiche dell’eterno erede al trono d’Inghilterra alla sua attempata amante o ancora delle minuziose cronache sul “sesso orale nella Camera Ovale” tra Bill Clinton e Monica Lewinsky alla Casa Bianca.
I giornali vittime più che rei fanno sempre più da cassa di risonanza a notizie tutto sommato dai tratti grigi e scontati, raccattando in giro tutto ciò che il mercato offre.
Perché, comunque, di amore nei giornali bisogna parlare, senza pregiudizi o sussiegosi disprezzi verso ciò che è “rosa”.
Ripercorrere le love story degli ultimi cinquant’anni significa soprattutto conoscere un tratto significativo della recente storia del costume e dell’informazione, ci ricorda quanto alacre fosse il lavoro della Sacra Rota, decisiva nei “batticuori da scoop” degli anni Cinquanta prima dell’approvazione del divorzio, di quanto pesasse una legislazione che puniva con la galera il concubinato.
Erano anni in cui il moralismo interferiva in vicende politiche, carriere e storie personali come quelle di Togliatti e Nilde Iotti, Maria Callas e Aristotele Onassis, Fausto Coppi e Giulia Occhini.
Fino agli anni Sessanta, i giornali seri mantennero un approccio di distaccato interesse nei confronti delle love story. I grandi cronisti, abituati ai delitti di stato e di letto, disdegnavano di abbassarsi al livello di Mina e Corrado Pani, di Coppi e Giulia Occhini, la famosa “Dama Bianca”, di Gigi Riva e Gianna Tofanaro, subito ribattezzata la “Dama Bionda”. Tutti i rotocalchi che di quella “robaccia” facevano fior di pagine e di tirature venivano additati come frivoli, inutili, di poco conto.
La svolta si ebbe nel ferragosto del 1958, in Via Veneto, dove si accesero furibonde liti tra alcuni vip e un fotoreporter, Tazio Secchiaroli. La cronaca di quella notte apparve su un quotidiano, Il Giorno, una testata particolarmente interessante, in quanto innovativa e addirittura di rottura rispetto al giornalismo tradizionale. Il rilievo dato alla notizia sul fotoreporter potrebbe oggi apparire del tutto marginale, ma quella colonnina di piombo, per la sua inusualità e per il significato giornalistico che ha avuto, fu invece, un momento fondamentale nella storia del fotogiornalismo: costituì il vero e proprio inizio del periodo cosiddetto della “cronaca rosa”.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ogni epoca ha le storie d�amore che si merita, e non � una scoperta che anche le �intermittenze del cuore� siano termometro del costume. Sui rotocalchi italiani nati dopo il referendum del �46, all�ombra della nostalgia per le teste coronate, furoreggiavano le storie d�amore tra principesse e vigorosi borghesi che si rivelarono specchio di tempi e di rapidi cambiamenti sociali. Oggi invece, a tener banco sono le paradossali telenovelas a base di vescovi esorcisti che si sposano per finta per poi ritornare sui loro passi, di patetiche telefonate erotiche dell�eterno erede al trono d�Inghilterra alla sua attempata amante o ancora delle minuziose cronache sul �sesso orale nella Camera Ovale� tra Bill Clinton e Monica Lewinsky alla Casa Bianca. I giornali vittime pi� che rei fanno sempre pi� da cassa di risonanza a notizie tutto sommato dai tratti grigi e scontati, raccattando in giro tutto ci� che il mercato offre. Perch�, comunque, di amore nei giornali bisogna parlare, senza pregiudizi o sussiegosi disprezzi verso ci� che � �rosa�. Ripercorrere le love story degli ultimi cinquant�anni significa soprattutto conoscere un tratto significativo della recente storia del costume e dell�informazione, ci ricorda quanto alacre fosse il lavoro della Sacra Rota, decisiva nei �batticuori da scoop� degli anni Cinquanta prima dell�approvazione del divorzio, di quanto pesasse una legislazione che puniva con la galera il concubinato.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Santino Fiorillo Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6448 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.