Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911)

Il lavoro analizza da un punto di vista metrico e stilistico la prima raccolta poetica pubblicata da Umberto Saba nel 1911: "Poesie".
La raccolta ha subito parecchie trasformazioni fino a giungere alla sua forma definitiva nel "Canzoniere" del 1948.
Il lavoro analizza il complesso intreccio tra metrica e sintassi nei "Sonetti militari", la terza parte delle "Poesie", si sofferma su analisi semantiche (con particolare attenzione alle similitudine e alle metafore) e sullo studio dei tempi verbali, analizza altre opere di tematica militare, come la "Vita militare" di De Amicis.

Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA In questo lavoro si procederà ad un’analisi metrica, stilistica, linguistica e variantistica della prima raccolta pubblicata da Saba: Poesie del 1911. Dopo un breve capitolo iniziale che introduce alla cultura e alla formazione del giovane Saba, il lavoro sarà distinto in due parti, la prima dedicata a quei ventisette sonetti che entreranno nella sezione Versi militari del Canzoniere definitivo, e la seconda agli altri componimenti di Poesie; questa divisione è motivata dal fatto che i sonetti della prima parte hanno una loro forte omogeneità ed una storia molto diversa da quella degli altri componimenti. Nella prima parte si procederà dapprima all’analisi della “corona” di sonetti tra Otto e Novecento per evidenziare le caratteristiche delle “corone” sabiane. In seguito si analizzeranno gli schemi metrici dei Versi militari in rapporto a quelli della tradizione italiana antica e moderna, e si studieranno il rapporto fra metrica e sintassi, l’uso dei tempi verbali, le immagini, il lessico e infine le varianti. Nella seconda parte si affronteranno gli altri componimenti, partendo proprio dallo studio del variantismo, per cercare di rintracciare tessere lessicali di componimenti o versi eliminati che tornano in altre poesie di altre raccolte o dei successivi Canzonieri. Nell’ultimo capitolo si studieranno infine la lingua e il lessico dei componimenti trattati nella seconda parte. Leggiamo il testo di Poesie nell’edizione del 1911: Poesie, con prefazione di Silvio Benco, pubblicata dalla Casa Editrice Italiana a Firenze. Nelle citazioni da questo libro, si sono regolarizzati i casi in cui la particella sì compariva priva d’accento e i casi in cui vi

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Gavagnin Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7389 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.