Skip to content

La disoccupazione strutturale e la gestione del tempo di lavoro in Europa

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Boscaino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Prf.luigi Frey
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 217

Questo lavoro si propone di analizzare l'andamento corrente e le prospettive future della gestione del tempo di lavoro nei paesi industrializzati, ponendo particolare attenzione alla riduzione dell'orario di lavoro. In materia di riduzione dell'orario di lavoro l'esperienza sperimentata in Francia rappresenta sicuramente l'episodio più significativo degli ultimi 20 anni.
In generale, le esperienze concrete di riduzione collettiva dei tempi di lavoro assumono una valenza molto importante nel tentare di ottenere quelle indicazioni che il dibattito teorico non è stato in grado di fornire, in termini sia dell'opportunità di utilizzare tale strumento di politica del lavoro per combattere la disoccupazione e creare nuova occupazione, sia del modo nel quale esso debba essere messo in atto. Dal punto di vista teorico, infatti, è possibile portare numerosi argomenti sia a favore che contro l'efficacia sull'occupazione e sulla disoccupazione. È indicativo come i tentativi degli economisti, effettuati prevalentemente nel corso degli anni '80, di analizzare la questione sulla base di schemi sia macroeconomici che microeconomici, di equilibrio parziale o di equilibrio generale, non siano stati in grado di arrivare a risultati definitivi. In generale esse concludono, anche in virtù delle forti limitazioni connesse a tali tipologie di analisi, circa l'ambiguità degli esiti in termini occupazionali della riduzione dell'orario di lavoro settimanale.
È proprio l'indeterminatezza di tali risultati a suggerire di accompagnare all'analisi teorica l'osservazione delle esperienze concrete.
L'analisi della situazione francese è sicuramente quella che offre i maggiori spunti di riflessione. L'incertezza che ha dominato il dibattito teorico (la conferenza di Londra della Ces del 1976) è pienamente riscontrabile nelle 4 leggi che si sono susseguite dal 1982 al 1998, le quali (seppure evidentemente concordi circa la sua applicabilità) rispondono ad impostazioni molto diverse tra loro circa alcune delle questioni centrali che bisogna affrontare quando si parla di riduzione di orario. Questo perchè intorno alla questione centrale dei costi ne ruotano molte altre, quali quella del ricorso allo straordinario, degli incrementi di produttività, dell'opportunità dell'esistenza e quindi dell'ammontare di incentivi pubblici, dell'ambito e dei tempi di applicazione dell'uso della legge o della contrattazione collettiva (solo per citarne i principali). Il percorso al quale il legislatore francese ha dato vita dal 1982 si è concluso (per adesso) con la cosiddetta Legge Aubry del 1998. Sarebbe affrettato, però, valutare le disposizioni contenute in tale provvedimento (ed in generale il punto di vista che lo ha ispirato) come il frutto esclusivo dell'impostazione ideologica del governo francese (il governo della ''sinistra plurale”, come essi lo chiamano). Ad un'analisi più attenta, infatti, essa appare essere il punto di sintesi tra i diversi orientamenti emersi nel dibattito e che dimostra come il problema non sia la riduzione in sè ma il come essa viene attuata: nel senso che la riduzione dell'orario di lavoro può essere una strada percorribile per agire concretamente sulla problematica occupazionale; la questione diventa allora (dato che se vi è un aumento dell'occupazione essa comporta comunque dei costi aggiuntivi) come metterla in atto (le misure che la devono accompagnare) affinchè si possano ripartire in maniera equa i costi che ne derivano e rispettare i vincoli che vi si oppongono. Per questo motivo, è anche possibile affermare che dal modo in cui è costruita e dai risultati che essa darà seguiranno indicazioni fondamentali circa l'utilizzo a fini occupazionali di una tale strategia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO 1 LA DISOCCUPAZIONE STRUTTURALE IN EUROPA E IN ITALIA 1. I dati sulla disoccupazione in Europa e in Italia Le statistiche dell'OECD mostrano come nel 1997 l'occupazione sia aumentata dell' 1,7% nell'area dei paesi OECD: questo rappresenta il miglior risultato dal 1993. Alla metà del 1998 viene rilevato per questi stessi paesi un tasso medio di disoccupazione pari al 7%, con una flessione dello 0.3% rispetto all'anno precedente. Tali risultati nascondono però, un andamento non uniforme dell'occupazione e della disoccupazione nei diversi paesi. Prendendo in considerazione i dati riguardanti i tassi di disoccupazione nei paesi dell'Unione Europea per il 1997 e per la prima metà del 1998, ad esempio, si vede come, a fronte di un tasso medio del 10,1% (0.6% in meno rispetto al 1997), convivano situazioni molto diverse tra loro: i tassi di disoccupazione presentano in generale un andamento segnatamente decrescente (fanno eccezione i casi dell'Austria, dell'Italia e della Germania, dove esso si presenta sostanzialmente stabile), ma in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disoccupazione
francia
orario di lavoro
rapporti atipici
riduzione orario di lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi