Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Budapest Diary. In Search of the Motherbook

Traduzione parziale di Budapest Diary. In Search of the Motherbook.
Tesi interculturale inglese-ungherese. Commento e interesse sull' interculturalità. Storia, cultura e sviluppo Ungheria del '900.

Mostra/Nascondi contenuto.
Una vita nel segno dell’interculturalità Introduzione Il lavoro che qui presento racchiude il senso del mio percorso formativo, e rispecchia l�interesse che da sempre, consapevolmente o non, accompagna le mie scelte in proposito: l�interesse per gli aspetti interculturali della vita sociale, l�attenzione e la curiosit� nei con- fronti del diverso. A partire dalle prime occasioni in cui mi veniva offerta la possibilit� di decidere libera- mente quale indirizzo didattico intraprendere, fino alle opportunit� di soggiorni di studio in paesi le cui civilt� studiavo (Inghilterra, Francia, Ungheria), ho cercato di portare avanti e di coltivare tale mio interesse per la diversit�. Fu in questo senso che scelsi di diplomarmi in un liceo linguistico, e fu per questo che successivamente decisi di intraprendere gli studi u- niversitari nel Corso di Laurea in �Lingue e Letterature Straniere� optando per le discipline di Anglistica (mia antica passione) e di Magiaristica. La scelta di studiare la lingua ungherese nacque dal desiderio di entrare in contatto con un mondo per me del tutto nuovo, quello dell�Europa dell�Est: volli avvicinarmi a un mondo culturale sostanzialmente diverso da quel- lo italiano ma anche da quelli rispetto ai quali fin ad allora avevo avuto la possibilit� di ac- quisire nozioni storiche, storico-culturali e letterarie (Inghilterra, Francia, Germania). La Un- gheria presto mi si rivel� un mondo culturalmente ricco ma la cui ricchezza, cos� mi pare, non goda dell�attenzione che, a mio avviso, meriterebbe. Nel momento della scelta del tema della tesi ebbi l�idea di lavorare sulla figura della giornalista cos� come si presenta, nella cultura di oggi, in Italia e nel mondo anglosassone. Mi fu proposto di documentare (nei termini del confronto) due figure femminili del giornali- smo internazionale:quella dell�italiana Oriana Fallaci e quella dell�ungherese Zsuzsa For- g�cs. Entrambe scrittrici oltre che giornaliste, entrambe con una lunga esperienza negli Stati Uniti. La proposta di studiare queste due figure - nonostante il mio forte interesse verso il tema e le modalit� della ricerca - si rivel� troppo generosa di fronte alle difficolt� oggettive che, cos� mi pareva di capire, non mi avrebbero permesso di concludere il lavoro in tempo utile per poter rispondere a talune esigenze di tipo pratico. Di conseguenza decisi di riman- dare l�argomento prescelto alla tesi con cui, come vorrei, potr� terminare i due anni di stu- dio nel Corso di laurea specialistica. Su proposta e consiglio della Docente, con cui avevo concordato l�argomento rimanda- to, ho quindi optato per un tema pi� adeguato, tale cio� da permettermi di focalizzare la ri- cerca sulla documentazione delle attitudini e dei comportamenti interculturali di una singola persona. La scelta cadde su Susan Rubin Suleiman. Intorno all’autrice e al Budapest Diary. In Search of the Motherbook Scheda Docente di Letterature Comparate e di Civilt� Francese all�Universit� di Harvard (Stati Uniti d�America), Susan Rubin Suleiman � di origini ungheresi. Nasce a Budapest, da geni- tori appartenenti alla vasta comunit� di ebrei-ungheresi. Nel 1949, all�et� di dieci anni, lascia l�Ungheria e, insieme alla famiglia, si stabilisce negli Stati Uniti. Qui, lontana dalle persecu- zioni razziali e dai pregiudizi religiosi e culturali, la famiglia Rubin conduce una vita �norma- le�. Budapest Diary. In Search of the Motherbook � il titolo del libro che in questo lavoro ho preso in esame e parzialmente tradotto, scritto dalla Suleiman nel 1993, l�autrice narra mi- nuziosamente, sotto forma di diario, il suo ritorno alla citt� natale, Budapest, un ritorno av- venuto molte decine di anni dopo quel giorno d�estate che la vide fuggire insieme ai genitori. Un rimpatrio inatteso avvenuto, nel 1993, grazie ad un invito ricevuto dal Collegium Buda- pest, uno dei pi� prestigiosi istituti ungheresi di ricerca nell�ambito degli studi sociali. E� la storia di una donna che per lunghi anni ha condotto una vita tralasciando la sua memoria culturale, non dando un particolare peso alle sue radici, alle sue tradizioni e che, attraverso

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Silvia Corti Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 570 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.