Skip to content

I villaggi turistici come forma di integrazione sociale

Informazioni tesi

  Autore: Ash Ilardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luisa Maniscalco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

I villaggi turistici, benché abbiano un aspetto disteso e privo di problemi, nascondono un’organizzazione funzionante, intelligente e attenta. Comportano delle necessità e criteri del tutto particolari. Non sono stati, infatti, concepiti per accogliere una comunità di persone che lavori, ma, e questo rende il compito ancora più difficile, per accogliere una comunità che eserciti a pieno il suo diritto alla pigrizia. È l’uomo stanco ed ossessionato dalla vita cittadina, dal cemento, dal lavoro, che necessita di giornate dove regni l’ozio e la distensione più completa. Gli abitanti di questi villaggi non vivono in case raccolte attorno ad un campanile, ma disperse nella natura che con i suoi colori, la sua vegetazione, le sue ombre, li nasconde, li protegge e ne salvaguarda il senso di libertà. Il municipio lascia il posto alla pista da ballo, al bar, alla piscina, dove la gente si raccoglie per parlare ancora una volta del problema più attuale e più importante: come spendere le ore liete (cfr. CAP. 3 §3.3-3.5). Tutto è previsto come in qualunque altra comunità, soltanto adattato alle esigenze e agli scopi di una società del tutto compreso. Si inizia così a programmare la giornata tipo del vacanziere, che non vuole più trascorrere la sua vacanza in maniera passiva, ma, vuole esser attivamente partecipe di un’esperienza del tutto particolare, e coinvolto in prima persona nella realtà del villaggio, che crea atmosfere ed eventi irriproducibili nella realtà quotidiana. Vengono selezionate le attività ludico-motorie, soddisfatte le esigenze di una popolazione di turisti, ancora elitaria, ma non per molto. In tal modo, facendo respirare sempre un clima caldo e festoso, si deve indirizzare il turista verso i servizi offerti dalla struttura, al fine di poter vendere il più possibile il made in loco, sfruttando quella forma particolare e del tutto nuova di comunicazione promozionale, che possa massimizzare la vendita dei prodotti. Aumentare gli introiti monetari infatti, è il fine su cui si sviluppano le odierne attività d’animazione legate al settore turistico. Ovviamente una concezione così innovativa e particolare di vacanza comporta personale altrettanto particolare: artisti o sportivi professionisti che riescano, oltre ad esprimere la propria arte, ad instaurare relazioni interpersonali con le proprie clientele e soprattutto, a coinvolgerle nelle attività. Il forte incremento delle spese turistiche destinate a consumi disegna oramai un modo nuovo di fare turismo legato maggiormente alle possibilità (incentives) che offre il territorio: sport, distensione, spettacolo, informazione, esperienza. L’offerta si propone sempre più come un sistema integrato, ossia sotto una forma elastica ed articolata di opportunità di mercato, piuttosto che come un insieme confuso e indistinto di attrazioni non collegate tra loro. Il villaggio turistico che si muove in una logica dell’offerta estremamente varia, basata su attività sportive e ricreative, si presenta con l’assunto del prezzo tutto compreso. Essendo costituito da un’ampia gamma di servizi (la reception, il ristorante, gli sport, la boutique, il bar, le escursioni, il mini club) e disponendo di comfort come appartamenti e alloggi in strutture fisse prefabbricate (bungalow, cottage o residence in muratura), permette un’offerta diversificata dal punto di vista delle spese variabili, come quelle per lo svago, gli acquisti e gli spostamenti. È una novità importante, perché pur accogliendo una domanda di massa si tende a lasciare ai consumatori la possibilità di scelta tra le opzioni offerte. (cfr. CAP. 2 e CAP. 3 §3.1-3.3). Alcuni studiosi sono rimasti attratti dal mistero che si nasconde nei villaggi-vacanza. Quale sia l’alchimia che favorisce questa creazione di una comunità felice, resta ancor oggi un segreto. L’economista Deaglio dopo aver frequentato i villaggi ha elaborato una sua analisi: «…è un caso evidente di socialismo realizzato!...nel villaggio turistico tutto è compreso, indipendentemente da quello che uno usa…» (cit. da art. su La Repubblica, ottobre del 2000). In tal senso Alberoni scrive «…noi abitualmente descriviamo le vacanze come un periodo in cui cessano le tensioni, in cui ci abbandoniamo, ci riposiamo, facciamo quello che vogliamo. E certamente, in buona parte, questo è vero. Ma le vacanze sono anche altro. Per esempio significano spezzare la routine quotidiana, la faticosa disciplina del lavoro. La vacanza è “il me ne vado” tante volte pensato, la rivolta con cui smettiamo di ubbidire ai nostri abituali padroni…» (cit. da art. su La Repubblica, 30-VII-1982). Vien da chiedersi se sia migliore la vita nel sogno o forse quella concreta da cui partiamo all’avventura. A volte qualcuno ne resta folgorato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il lavoro � stato suddiviso in cinque capitoli. Il primo in tre parti, d� un inquadramento storico a partire dalla nascita del concetto di viaggio, fino all�invenzione del turismo, dei concetti di vacanza e villeggiatura e della costituzione dei villaggi-vacanza o turistici (ai fini di non essere ripetitivo, saranno citati nella mia tesi indistintamente). Il secondo capitolo, anch�esso ripartito in tre parti, espone la struttura del villaggio, i sevizi ed i comfort indirizzati ai clienti e la giornata-tipo che si svolge nella struttura, con una descrizione dell�iter di benvenuto e di arrivederci. Il terzo capitolo entra nel merito dell�ideologia del villaggio. Si analizzano il concetto di vacanza come sogno agognato dall�individuo, i tipi di turista (in merito sono esposte le teorie maggiori), un differente studio del villaggio turistico, del suo staff e del concetto di �quipe (valido per comprendere i rapporti tra gli individui una volta entrati nella struttura), i giovani e l�abbronzatura come due fenomeni turistici. Il quarto capitolo, in quattro parti, analizza l�impatto che il turismo e il villaggio turistico hanno sulla comunit�, descrivendo le possibilit� di lavoro. Infine, il quinto capitolo espone le mie considerazioni e descrive la mia esperienza nel campo turistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

relazioni sociali
vacanze attive
turismo
villaggi turistici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi