Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli incidenti stradali nel periodo 1989-1998: aspetti sociali ed economici

La tesi ha ricevuto da parte della Commissione di laurea la “dignità di stampa”. Lo studio riguarda un'analisi statistica e comparativa degli incidenti stradali nel periodo di dieci anni con i dati disponibili più aggiornati all'epoca della discussione della tesi. All'aspetto sociale della possibile previsione e prevenzione di morti e feriti causati dagli eventi in esame si affianca una completa analisi dell'impatto economico e delle cause dell'enorme impennata dei costi assicurativi degli ultimi anni alla luce delle ultime sentenze giuridiche al riguardo e degli ultimi interventi normativi. I dati di riferimento provengono da ISTAT, ANIA e ISVAP con risultati sorprendenti. Tutta la tesi è corredata di grafici e tabelle suddivisi per argomenti con il commento dei fenomeni di maggior rilevanza. Tutti gli argomenti sono facilmente consultabili e i fogli elettronici di calcolo sono aggiornabili con facilità inserendo i nuovi dati che si rendono disponibili di anno in anno dalle varie fonti, per una completa monitorizzazione del fenomeno. Dallo studio emergono numerosi spunti di riflessione sulle cause di un fenomeno tutt'altro che imprevedibile e soprattutto sono sfatati molti miti e credenze al riguardo. Il maggior interesse è comunque rivestito dall'analisi delle cause che hanno portato l'aumento indiscriminato delle tariffe assicurative, un fenomeno che ha radici molto più vaste e complesse di quanto possa sembrare ed ha come si evince dallo studio legami molto stretti con l’evoluzione della società attuale degli ultimi anni. Le conclusioni secondo l'autore dovrebbero portare a un completo ripensamento del sistema assicurativo grazie agli strumenti attualmente disponibili che avrebbe conseguenze rivoluzionarie, ma decisamente più eque, efficienti ed economiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Non esistono certezze, solo ragionevoli probabilità.” E. HOWE E’ quantomeno curioso che la morte di 110 passeggeri in uno sporadico incidente aereo in un qualsivoglia Paese del mondo sia considerata uno “scoop” da prima pagina, sebbene in Italia si registri la stessa quantità di decessi a causa di incidenti stradali mediamente in una settimana, senza tener conto dei feriti. E’ quantomeno allarmante che viaggiare in aereo sia generalmente considerato più pericoloso che viaggiare su strada. Probabilmente è un problema di prospettiva: gli incidenti stradali sono un fenomeno sommerso, comune e disgregato che manifesta la sua imponenza solo attraverso una adeguata e capillare rilevazione. Come in ogni sistema regolato da norme, anche nel caso della circolazione stradale, chi sbaglia, paga; tuttavia, spesso, il conto è salato anche per molti innocenti. Chi conduce un veicolo consapevole

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Saverio Franchi Contatta »

Composta da 271 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2164 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.