Skip to content

Le metamorfosi delle sentenze interpretative di rigetto

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Forcolin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Pugiotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

La Corte costituzionale, più di ogni altro organo, è preposta a “vigilare” sulla legittimità dell’ordinamento giuridico, e proprio per questo svolge un continuo, capillare lavoro di esegesi delle disposizioni della Carta Fondamentale per verificare se il nostro sistema normativo rispecchia quei principi che sono già in essa contenuti.
In questo senso, "la Corte è l’organo maieutico della Costituzione, visto che spetta ad essa il compito di estrapolare le norme-significato dal testo-significante".
Tuttavia, per poter svolgere sempre meglio il suo compito di controllo della conformità a Costituzione della produzione normativa, la Consulta ha affinato i “mezzi” a sua disposizione e ha finito con l’esercitare la propria attività interpretativa non solo sui testi di rango costituzionale, ma anche su quelli di rango legislativo; attività, quest’ultima, in cui è concorrente con i giudici comuni.
Così è nata la categoria delle sentenze interpretative. Tra esse, quelle di rigetto meritavano un’attenzione particolare perché costituiscono uno degli strumenti più dibattuti, più contrastati di cui disponga la Corte, tanto più che qualche giurista, rilevandone (ingiustamente) l’inutilità, è arrivato ad auspicarne il declino. Simili prese di posizione sembrano non accorgersi che proprio questo strumento , più di ogni altro, consente alla Corte di porsi in un atteggiamento collaborativo coi giudici. Il giudice delle leggi infatti, con la pronuncia interpretativa di rigetto , pur sostanzialmente ritenendo la scelta normativa del giudice a quo non conforme ai parametri costituzionali, si riserva di non eliminarla per sempre dal sistema (operazione, questa, che potrebbe risultare poco gradita agli “altri” giudici), ma cerca di convincerlo a cambiar strada, suggerendogli la rotta.
Tale tipo di pronuncia non ha efficacia precettiva diretta; infatti la Consulta, "consapevole di non poter imporre la sua interpretazione con la 'ragione della forza', ricorre alla 'forza della ragione', tramite le argomentazioni utilizzate in motivazione".
Per queste particolarità che esse presentano, è nata quindi l’idea di dedicare il mio approfondimento alle sentenze interpretative di rigetto che il giudice delle leggi pronuncia in seguito alle impugnative incidentali.
Ma perchè la scelta, nel titolo della tesi, del termine “metamorfosi”?
Il termine, lungi dal suggerire l’idea di una categoria “predefinita”, sempre uguale a se stessa, è quello che meglio di ogni altro pone in luce la natura polimorfa di questo flessibile strumento che, a tratti, sembra addirittura perdere i suoi connotati caratteristici; ad esempio, quando la Corte, pur di “dire la sua parola” su scelte interpretative che, anche se non contrastanti con la Costituzione, ritiene erronee, addiviene a pronunce “correttive ”, inserendosi così in un’attività esegetica che in realtà sarebbe propria esclusivamente dei giudici comuni.
“Metamorfosi” è un termine che serve anche per evidenziare un percorso in parte cronologico, ma soprattutto logico, desumibile prima ancora che dal contenuto della tesi, dalla scansione del presente lavoro. Così, ripercorsa la genesi delle sentenze interpretative di rigetto (Capitolo Primo), ci si soffermerà sulle tappe più significative della loro trasformazione: l’uso, da parte della Corte costituzionale del c.d. “diritto vivente” (Capitolo Secondo), il problematico rapporto tra questo e l’interpretazione adeguatrice (Capitolo Terzo), il ricorso sempre più frequente a sentenze interpretative c.d. correttive (Capitolo Quarto). Nella parte conclusiva ci si è spinti fino a chiederci se è possibile riconoscere alle decisioni di rigetto interpretativo un’efficacia che travalichi del solo giudizio a quo.
Maggiori del previsto sono state, a riguardo, le difficoltà che ho riscontrato nel tentativo di catalogare l’ampio materiale dottrinale e giurisprudenziale a mia disposizione, A tal riguardo, pur dando credito anche a più di qualcuna delle pronunce dei decenni precedenti, la mia indagine è rivolta in particolare alle decisioni degli Anni Novanta, perché è proprio in tale periodo che sono intervenute le metamorfosi più rilevanti in argomento. Ma, pur con questa limitazione temporale, le sentenze erano moltissime, e ho trovato non solo difficoltoso, ma forse anche superfluo elencarle tutte; ho preferito pertanto lavorare sui casi esemplari (il maggior numero che mi è risultato possibile) segnalati dalla dottrina. Sia pure riletti criticamente, spesso attraverso chiavi interpretative del tutto personali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La Corte costituzionale, più di ogni altro organo, è preposta a “vigilare” sulla legittimità dell’ordinamento giuridico, e proprio per questo svolge un continuo, capillare lavoro di esegesi delle disposizioni della Carta Fondamentale per verificare se il nostro sistema normativo rispecchia quei principi che sono già in essa contenuti. In questo senso, <<la Corte è l’organo maieutico della Costituzione, visto che spetta ad essa il compito di estrapolare le norme- significato dal testo-significante 1 >>. Tuttavia, per poter svolgere sempre meglio il suo compito di controllo della conformità a Costituzione della produzione normativa, la Consulta ha affinato i “mezzi” a sua disposizione e ha finito con l’esercitare la propria attività interpretativa non solo sui testi di rango costituzionale, ma anche su quelli di rango legislativo; attività, quest’ultima, in cui è concorrente con i giudici comuni. Così è nata la categoria delle sentenze interpretative. Tra esse, quelle di rigetto meritavano un’attenzione particolare perché costituiscono uno degli strumenti più dibattuti, più contrastati di cui disponga la Corte, tanto più che qualche giurista, rilevandone (ingiustamente) l’inutilità, è arrivato ad auspicarne il declino. Simili prese di posizione sembrano non accorgersi che proprio questo 1 A. SPADARO, Le motivazioni delle sentenze della Corte come “tecniche” di creazione delle norme costituzionali, in Nomos, 1993, 3, pag. 88.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giudizio a quo
giudizio di costituzionalità
patente di costituzionalità
rigetto interpretativo
diritto costituzionale
corte costituzionale
sentenze della corte costituzionale
sentenze interpretative di rigetto
sentenze interpretative

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi