Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La reintroduzione del gipeto (Gypaetus Barbatus) sulle Alpi. Analisi del comportamento al nido e dopo l'involo

Il Gipeto (Gypaetus barbatus) è l’avvoltoio di maggiori dimensioni nidificante in Europa appartenente alla famiglia degli Accipitridi, ordine Accipitriformes.
La specie, presente e nidificante stabilmente sull’intero arco alpino fino agli inizi del 1900, scomparve (causa estinzione) dal territorio italiano agli inizi del secolo scorso; tra le possibili concause dell’evento vi sono l’inesistente protezione da parte dello Stato Italiano (dal punto di vista legislativo) ed il ribattezzamento da parte dell’ignoranza popolare in “Avvoltoio degli agnelli”, entrambi i fattori causa di una caccia spietata ed ingiustificata.
Gli studi scientifici hanno provveduto a dimostrare che l’alimentazione del Gipeto adulto è improntata unicamente sulle carogne, ed in particolare sulle ossa delle stesse o di carcasse secche, ed in ogni caso mai di animali predati vivi;
Il WWF internazionale in collaborazione con la “Foundation for the conservation of bearded volture” si è impegnato (dal 1986, anno del rilascio dei primi 4 Gipeti in Austria con la tecnica dell’hacking) nel tentativo di reintrodurre la specie sull’intero arco alpino rispettando un protocollo precedentemente elaborato a Morges (Svizzera) nel 1978 in collaborazione con altri soggetti interessati all’evento;
Il lavoro di ricerca qui proposto, eseguito nel Parco Naturale delle Alpi Marittime negli anni 1998 e 2000, s’inserisce in un quadro più ampio di osservazioni sul comportamento dei giovani Gipeti reintrodotti in natura, che iniziò nel 1994 ed ha lo scopo di evidenziare (se presenti) le correlazioni esistenti fra l’età dei giovani animali rilasciati e le 7 attività giornaliere considerate (pulizia del piumaggio, sunning, alimentazione, osservazione, riposo, battito delle ali e volo) nel periodo precedente e successivo all’involo; i dati riportati evidenziano aspetti particolari dell’ontogenesi del comportamento del Gipeto durante questo periodo, alcuni dei quali in accordo con quanto riportato in letteratura, ma altri non sono confrontabili: i lavori pubblicati, infatti, si riferiscono quasi sempre a ricerche effettuate su animali nidificanti in ambiente naturale (ed i risultati ottenuti da Rolando et al. nel 1998 sono le eccezioni a cui far riferimento), mentre il presente studio è stato condotto su pulli nati in cattività e rilasciati in natura senza la presenza dei genitori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE 1.1 Sistematica e morfologia Il Gipeto (Gipaetus barbatus), l’avvoltoio di maggiori dimensioni nidifi- cante in Europa, appartiene alla famiglia degli Accipitiridi, ordine Accitri- formes (Brichetti et al. 1992). Inizialmente suddivisa in quattro sottospecie (G.b. barbatus, haemolaca- hanus, areus e meridionalis) attualmente la specie consta di due sole sotto- specie caratterizzate da differenze di taglia e colorazione (lievi differenze sul petto e sui tarsi): G.b. barbatus diffuso in Eurasia e Nordafrica, più gros- so rispetto a G.b. meridionalis presente in Africa orientale e meridionale (Hi- raldo et al. 1984). Il Gipeto, pur appartenendo al gruppo degli avvoltoi, presenta caratteri poco specializzati che lo discostano dagli altri rappresentanti di questo grup- po riconducendolo al solo Capovaccaio (Neophron pernopterus). Rispetto, ad esempio, al Grifone (Gyps fulvus), il Gipeto, mostra ancora caratteri correlati con la predazione, come gli artigli adatti al trasporto della preda (Framarin & Genero, 1995) ma lo studio delle forme attuali ed estinte evidenzia comunque una progressiva specializzazione verso la necrofagia con perdita della capaci- tà di predazione e modificazione del becco e delle zampe.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michelangelo Vernice Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1369 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.