Skip to content

Rischio sistemico e crisi finanziarie: il ruolo della liquidità e del sistema interbancario

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Venturi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Gabriella Chiesa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Una nuova, possibile tipologia di analisi delle crisi finanziarie si è sviluppata negli ultimi anni: caratterizzata da un peculiare approccio microeconomico essa è apparsa in grado di enfatizzare il funzionamento del sistema finanziario e di spiegare perché le crisi sono uno degli aspetti (e dei possibili equilibri) di un modello generale dell’attività finanziaria.
Il dibattito sulla strutturazione ottimale del sistema finanziario e sulle tipologie ottimali di interventi di politica economica è così naturalmente calato in un framework di relazioni microeconomiche tra istituzioni finanziarie, depurando l’analisi dall’influenza di variabili macroeconomiche come la valuta, i flussi commerciali o l’andamento del ciclo economico.
La letteratura che ha adottato questo tipo di approccio ha focalizzato la propria attenzione sul sistema bancario, utilizzando modelli basati su economie prettamente bancarie (banking economies) in cui le crisi finanziarie sono crisi essenzialmente bancarie o, meglio ancora, bank-centered financial crises.
In un contesto come quello appena delineato ha assunto sempre maggiore importanza, lo studio delle forme di interrelazione di breve periodo esistenti tra le singole banche per la fornitura reciproca di risorse finanziarie liquide.
Questo mercato interbancario per la liquidità è apparso, grazie ad una serie di contributi teorici molto recenti, particolarmente adatto anche a spiegare i meccanismi di propagazione delle crisi (fenomeno cui ci si riferisce, appunto, con il termine di “contagio finanziario” o, alternativamente, di “rischio sistemico”) da una a più banche o da una a più aree geografiche.
Le fondamenta teoriche di questa innovativa lettura delle crisi finanziarie risalgono ad un paio di decenni addietro, quando i lavori di Bryant [1980] e Diamond e Dybvig [1983] diedero per la prima volta una rappresentazione analitica ai fenomeni di bank runs, o corsa agli sportelli, che talvolta interessano le singole istituzioni finanziarie. Il modello di Diamond e Dybvig ha in particolare goduto di notevole fortuna, finendo per diventare un modello standard su cui è stata costruita gran parte della letteratura successiva.
Come è già stato detto le economie che prendiamo in considerazione sono banking economies ed è perciò evidente che nel nostro caso i termini “financial contagion” e “banking contagion” sono tra loro sinonimi ed indicano la possibilità che le difficoltà finanziarie di una singola banca si propaghino ad altre banche ed al limite all’intero sistema bancario. A questa possibilità ci si riferisce alternativamente come “rischio sistemico” (systemic risk).
Il salto qualitativo e quantitativo che è necessario compiere per analizzare fenomeni di questo tipo è quello di passare dal concetto di bank run, fenomeno che colpisce la singola istituzione finanziaria, a quello di crisi finanziaria come evento sistemico, in cui l’evidenza che più banche sperimentino contemporaneamente situazioni di difficoltà finanziaria non è mai casuale, ma piuttosto giustificato dalle interconnessioni esistenti tra gli intermediari stessi.
In questo modo è possibile tentare di espandere ad un sistema integrato di istituzioni finanziarie (anche qui definite semplicemente banche) quei fenomeni di crisi che Diamond e Dybvig ricostruiscono a livello del singolo intermediario. Il mercato interbancario per lo scambio di liquidità è il canale maggiormente utilizzato dalla teoria economica per giustificare la diffusione a livello sistemico di crisi che colpiscano inizialmente una singola banca.
Questo tipologia di modelli può sostanzialmente essere suddivisa in due sottogruppi: da una parte i modelli che descrivono situazioni di cosiddetto pure contagion, ossia quel contagio finanziario che si manifesta in economie sostanzialmente prive di asimmetrie informative ed il cui possibile sviluppo è legato solo ed esclusivamente alla gestione delle attività di intermediazione tra mercato della liquidità e investimenti di lungo periodo. Dall’altra parte modelli in cui l’esistenza di asimmetrie informative, con tipologie e gradazioni variabili, tra gli operatori di un sistema interbancario gioca un ruolo importante nel concretarsi del rischio sistemico e del contagio delle crisi attraverso il canale interbancario.
Del primo gruppo fanno senz’altro parte modelli come quelli di Freixas, Parigi e Rochet [2000] ed Allen e Gale [2000]. Nel secondo è possibile annoverare lavori come quelli di Rochet e Tirole [1996], Flannery[1996], Huang e Xu [2000], Freixas e Holthausen [2001].

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Gli avvenimenti dell�economia mondiale appaiono segnati da una sostanziale continuit� tra la fine del ventesimo secolo e l�inizio del ventunesimo. Le crisi finanziarie sono forse il fenomeno pi� rappresentativo ed eclatante di questa continuit�, in cui la comunit� economica internazionale vede tuttora rispecchiati i limiti e le incoerenze di un sistema finanziario sempre pi� globale, ma non per questo sempre meno fragile. Se l�ultimo decennio del ventesimo secolo � stato segnato da crisi finanziarie di vasta portata (e talora dai drammatici risvolti) come quelle del Messico, del Sud-Est Asiatico e della neonata nazione russa, non da meno sono stati i primi anni di questo nuovo secolo con la subitanea (ma non inaspettata) esplosione della crisi argentina e con i preoccupanti prodromi di una crisi finanziaria in Giappone, che fortunatamente stenta ancora a manifestarsi in tutta la sua potenziale virulenza. Tutti questi fatti hanno inevitabilmente riacceso l�interesse verso quella parte della letteratura economica che tenta di meglio comprendere i meccanismi di sviluppo di queste crisi per proporne possibili schemi di prevenzione o di gestione. Una sommaria analisi di alcune recenti situazioni porta facilmente ad individuare i tre pi� comuni canali di sviluppo delle crisi finanziarie, ai quali la letteratura (si veda Huang [2000]) ha affibbiato l�originale e didascalica definizione di "ABC channels": il mercato delle attivit� finanziarie (asset market channel), il sistema bancario (banking channel) ed il mercato delle valute (currency channel).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contagio finanziario
crisi finanziarie
mercato interbancario
microeconomia
rischio sistemico
bank run
modello di diamond-dybvig
merato della liquidità
economia dei mercati finanziari
run bancari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi