Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Concussione

Nella tesi viene trattato il reato di concussione analizzando tutti i suoi elementi. Dall'interesse tutelato, avendo cura di esporre le diverse tesi dottrinarie e giurisprudenziali, all'esame del delitto in relazione ad altri reati simili.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1. INTRODUZIONE 1.1- Evoluzione storica della figura di concussione La figura di concussione è di antica data nei sistemi normativi penali. In diritto romano solo in tarda epoca, forse nelle province, fa la sua apparizione il crimine straordinario di concussio costituito, in sostanza, dalla sola ipotesi del funzionario subalterno che, simulando l'ordine del preside, estorce denaro. Le figure di concussione non possono separarsi, in diritto romano, da alcune tipologie di corruzione, crimine, questo, che non appare mai come autonomo 1 . Il pensiero medioevale confonde per lo più nell'unico e volgare concetto di baratteria tanto il delitto in questione quanto la corruzione. In generale al concetto di concutere o di concussio si fa corrispondere un chiedere e ricevere con minacce o intimidazioni, direttamente o per mezzo di propri dipendenti, lucro o vantaggio. Col tempo, dottrina e legislazione andarono ponendo l'accento sul valore del metus publicae potestatis chiarendo che motivo discriminante tra la corruzione e la concussione era il fatto che nel primo caso il giudice 1 U. BRASIELLO, Concussione (dir.romano),in Enciclopedia del diritto, VIII, Milano, 1961, p. 697 s.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rosaria Brugaletta Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4675 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.