Skip to content

Le Convenzioni di Rio ed il Protocollo di Kyoto: sinergie e questioni di compatibilità

Informazioni tesi

  Autore: Lucio Costantini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Cannizzaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Nel settembre del 2002 si è concluso a Johannesburg il Summit mondiale sull’Ambiente e lo Sviluppo, il quale ha rappresentato una sorta di verifica dei progressi compiuti nell’ambito della politica ambientale internazionale a dieci anni di distanza dal primo grande vertice di questo tipo: quello di Rio de Janeiro del 1992.
Anch’esso nato e realizzato sotto l’egida dell’O.N.U., produsse dei risultati innovativi sul piano del diritto ambientale internazionale soprattutto per il fatto che, per la prima volta, determinate problematiche ambientali venivano affrontate nell’ottica di un progetto di strategia globale: la deforestazione, il cambiamento climatico, la perdita della diversità biologica e l’inaridimento del suolo hanno trovato una prima risposta, rispettivamente, nella Dichiarazione sulle foreste, nella Convenzione Quadro sul cambiamento climatico, nella Convenzione sulla Biodiversità ed in quella per combattere la desertificazione. Benché il primo fra questi documenti sia rimasto un insieme di principi giuridicamente non vincolanti, gli altri tre costituiscono invece il punto di partenza di un processo normativo tuttora in fieri, contraddistinto dalle continue negoziazioni tra Stati in occasione delle periodiche Conferenze delle Parti stesse.
E’ proprio nell’ambito di questi fora internazionali che negli ultimi anni è venuta emergendo l’esigenza di un coordinamento fra le norme convenzionali e di una maggiore cooperazione fra trattati multilaterali relativi a problemi ambientali di portata globale. A riprova della rilevanza che stanno assumendo certe tematiche, nel 1999 l’Università delle Nazioni Unite ha promosso una conferenza internazionale sulle sinergie e le connessioni tra accordi ambientali internazionali. Da questo evento ho tratto spunto per tentare di indagare quali possano essere i punti di convergenza tra gli importanti trattati in oggetto, ma anche e soprattutto di verificare se dallo sviluppo dei relativi processi negoziali possano derivare dei motivi di frizione e dei problemi di compatibilità tra gli obiettivi che essi perseguono.
La questione si pone successivamente all’adozione del Protocollo di Kyoto, ovvero dello strumento attuativo della Convenzione Quadro sul cambiamento climatico, il quale fissa regole ed obblighi più dettagliati allo scopo di ridurre la concentrazione nell’atmosfera dei gas ad effetto serra, responsabili per l’appunto del surriscaldamento del pianeta e degli sconvolgimenti del clima.
Il presente lavoro cercherà di mettere in luce come la necessità delle Parti firmatarie a Kyoto di raggiungere le rispettive quote di riduzione delle emissioni, associata all’ambiguità testuale di alcune fondamentali disposizioni protocollari, rischiano in realtà di condurre a dei risultati antitetici rispetto a quelli che sono gli obiettivi delle altre due Convenzioni di Rio, sollevando pertanto notevoli dubbi circa la compatibilità tra i regimi giuridici di carattere ambientale che verranno messi a confronto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO 1.1. Il diritto internazionale ed il nuovo ordine mondiale Negli ultimi 60 anni le modalità di genesi del diritto internazionale, vale a dire i tradizionali percorsi che conducono alla sua formazione, sono mutate corrispondentemente alla trasformazione che ha coinvolto la società moderna. Il periodo post-bellico, caratterizzato in particolar modo dalla conquista dell’ indipendenza di parte di quegli Stati sorti dal cosiddetto processo di decolonizzazione, ha portato alla ribalta nuovi modelli culturali e di sviluppo oltre che nuovi interessi ed esigenze, rendendo la comunità internazionale maggiormente frammentata e disomogenea. Aggiungiamo poi che il numero degli Stati è cresciuto proprio in quella parte di mondo tradizionalmente esclusa dall’accesso al potere decisionale, cosicché, oggi, la loro superiorità numerica all’interno delle strutture istituzionali nelle quali si svolge il confronto intergovernativo (Nazioni Unite in primis) impone un rinnovato equilibrio mondiale ed una politica di più ampie vedute. A livello giuridico, questi grandi cambiamenti politici si traducono e finiscono per coincidere se non con il declino per lo meno con una crisi del diritto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

desertificazione
sviluppo sostenibile
tutela dell'ambiente
protocollo di kyoto
cambiamenti climatici
tutela internazionale dell'ambiente
protezione della biodiversità
convenzioni di rio
diritto dell'ambiente
diritto internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi