Skip to content

Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Bernardini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Gianguido Manzelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 338

L’obiettivo della presente ricerca consiste nell’analisi e nella conseguente classificazione tipologica degli anglicismi subentrati nei sistemi lessicali dell’italiano e dell’ungherese pertinenti al linguaggio informatico e a quello informatico-telematico. La scelta di trattare questo argomento scaturisce dalla passione personale per l’informatica e l’interazione comunicativa attuata mediante i mezzi informatico-telematici nella matrice ‘virtuale’ di Internet.

In un’ottica più strettamente indirizzata alla linguistica, la disciplina non è prescindibile dall’osservazione dei forestierismi e dei neologismi autoctoni che compongono il linguaggio e a volte arricchiscono in tempi relativamente brevi, grazie anche alla stessa natura di Internet sotteso come media comunicativo, il linguaggio dell’utenza del Web.

Sebbene lo studio dei forestierismi e dei neologismi sia stato notevolmente incrementato nel corso dell’ultimo ventennio, abbiamo constatato che i saggi esistenti tendono a non incentrare l’indagine su uno specifico settore e, laddove invece ciò accade, sovente si è proceduto alla catalogazione di lessemi e locuzioni limitatamente alla descrizione dei relativi significati e degli impieghi nel contesto d’utilizzo.

Al di là degli articoli, online e non, apparsi in riviste e siti specializzati in linguistica e brevi trattazioni su un topic argomentativo circoscritto, ci è sembrato fondamentale approfondire la disamina di alcuni anglicismi e neologismi internamente a una delle sfere che maggiormente hanno promosso la loro compenetrazione nell’italiano e nell’ungherese contemporanei. La verticalizzazione degli approfondimenti operati ha così consentito di estrapolare le modalità di inserimento e/o di genesi della terminologia informatico-telematica. In particolare non ci siamo soltanto soffermati su lessemi ed espressioni implicati in un’alta frequenza d’uso ma abbiamo implementato lo screening includendo quelle alternative meno ‘ufficiali’ che, nonostante non abbiano conosciuto un eclatante successo (alcuni termini sono stati addirittura reperiti in glossari gergali e di conseguenza la loro frequenza d’uso rimane praticamente nulla), incarnano la testimonianza della creatività dei fruitori della lingua o dell’accettazione più passiva del materiale alloglotto.

Una delle caratteristiche distintive di questo piano di lavoro è che la comparazione lessicografica è duplice, impegna cioè sia l’italiano che l’ungherese nel rapporto di raffronto con l’inglese.

Al fine di soddisfare il raggiungimento del nostro progetto abbiamo eseguito una scissione del presente lavoro in due parti. Quella iniziale ha un sapore prettamente speculativo e si estrinseca nei primi tre capitoli, mentre la successiva verte sulla sottocategorizzazione del materiale linguistico conseguito e si realizza negli ultimi due capitoli.

Il primo capitolo illustra l’esposizione dell’oggetto della nostra ricerca e pertanto descrive le fenomenologie di prestito e calco, distinte dalle altre forme di contatto linguistico che in siffatta sede sono state unicamente stilizzate concettualmente, perchè potessimo organizzare la struttura classificatoria su cui fondare in seguito l’esame degli anglicismi subentrati nella lingua italiana e ungherese e dei neologismi indigeni.

Il secondo capitolo fornisce degli accenni sui linguaggi settoriali tecnici e scientifici per l’introduzione, poi, delle nozioni del linguaggio settoriale di nostro interesse, ovvero quello attinente all’ambito specialistico informatico-telematico.

Le procedure della metodologia concernente la raccolta dei dati e l’approfondimento mediante l’utilizzo di strumenti lessicografici conclude, al capitolo terzo, l’impianto teorico.

Nel quarto capitolo ci occupiamo della classificazione terminologica di un corpus rappresentativo del linguaggio dell’informatica in sottoclassi tipologiche che spieghino gli elementi strutturali e semantici di ogni individuale intervento.

La medesima azione è reiterata, infine, nel quinto capitolo intitolato al linguaggio informatico-telematico, quindi più specificatamente orientato al linguaggio di Internet. A differenza del capitolo precedente, per la stesura di quest’ultimo non abbiamo potuto avvalerci di alcun riferimento bibliografico a eccezione di dizionari e glossari rinvenuti online.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo della presente ricerca consiste nell’analisi e nella conseguente classificazione tipologica degli anglicismi subentrati nei sistemi lessicali dell’italiano e dell’ungherese pertinenti al linguaggio informatico e a quello informatico-telematico. La scelta di trattare questo argomento scaturisce dalla passione personale per l’informatica e l’interazione comunicativa attuata mediante i mezzi informatico-telematici nella matrice ‘virtuale’ di Internet. In un’ottica più strettamente indirizzata alla linguistica, la disciplina non è prescindibile dall’osservazione dei forestierismi e dei neologismi autoctoni che compongono il linguaggio e a volte arricchiscono in tempi relativamente brevi, grazie anche alla stessa natura di Internet sotteso come media comunicativo, il linguaggio dell’utenza del Web. Sebbene lo studio dei forestierismi e dei neologismi sia stato notevolmente incrementato nel corso dell’ultimo ventennio, abbiamo constatato che i saggi esistenti tendono a non incentrare l’indagine su uno specifico settore e, laddove invece ciò accade, sovente si è proceduto alla catalogazione di lessemi e locuzioni limitatamente alla descrizione dei relativi significati e degli impieghi nel contesto d’utilizzo. Al di là degli articoli, online e non, apparsi in riviste e siti specializzati in linguistica e brevi trattazioni su un topic argomentativo circoscritto, ci è sembrato fondamentale approfondire la disamina di alcuni anglicismi e neologismi internamente a una delle sfere che maggiormente hanno promosso la loro compenetrazione nell’italiano e nell’ungherese contemporanei. La verticalizzazione degli approfondimenti operati ha così consentito di estrapolare le modalità di inserimento e/o di genesi della terminologia informatico-telematica. In particolare non ci siamo soltanto soffermati su lessemi ed espressioni implicati in un’alta frequenza d’uso ma abbiamo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lessico
lessicografia
linguistica
neologismi
anglicismi
linguaggio informatico
linguaggio telematico
lingua ungherese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi