Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La realtà virtuale: applicazioni in situazioni formative

Questo lavoro si pone l’obiettivo di presentare un quadro generale della nuova tecnologia Realtà Virtuale sotto diversi punti di vista: terminologico, storico, tecnologico, della comunicazione, teorico e vuole descrivere alcuni casi applicativi per tentare di porre in risalto le sue potenzialità a livello formativo, nella convinzione personale che tale tecnologia possa essere considerata una nuova e importante metodologia per la formazione scolastica e professionale.
Specificamente, questa tesi si è proposta di analizzare la Realtà Virtuale dal punto di vista formativo e, ciò che è emerso, è che in tale ambito la Realtà Virtuale e i suoi ambienti favoriscono:
- la motivazione ad apprendere,
- l’apprendimento dei partecipanti alla simulazione,
- la comunicazione tra essi, in un’ottica di interazione e cooperazione,
- la valorizzazione dell’esperienza e dell’intuizione,
- la sperimentazione continua da parte dei partecipanti, anche in tempi ristretti e con immediato feedback dei risultati,
- l’identificazione di cause ed effetti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione " Perché si possa indirizzare la nostra comprensione verso le regioni più remote sarà necessario scoprire un modo migliore di adoperare la nostra mente" (F. Bacone) L’uomo possiede una capacità innata di inestimabile valore: l’immaginazione. Fin dai tempi più remoti, ha sempre cercato di dare sfogo alla propria fantasia nelle forme e negli aspetti più differenti, per poter comunicare delle sensazioni e delle emozioni ben precise, utilizzando e sfruttando i mezzi che aveva a disposizione in quel momento. Il limite espressivo delle opere prodotte era però legato intrinsecamente ai sensi coinvolti dell’utente: ad esempio, un quadro riusciva a colpire la vista ma non il tatto, mentre una sinfonia poteva coinvolgere l’udito ma non l’olfatto. Tuttavia, il crescente sviluppo tecnologico ha permesso di colmare talmente bene questa lacuna che oggi è possibile ingannare quasi completamente i sensi dell’uomo, impiegando strumenti e tecniche molto sofisticate. Questa evoluzione ha portato alla nascita del concetto di Realtà Virtuale (RV), che può essere considerata come la punta più elevata di un processo di crescita che sta interessando gli attuali strumenti di comunicazione e formazione. Partendo da tale considerazione, questo lavoro si pone l’obiettivo di presentare un quadro generale della nuova tecnologia Realtà Virtuale sotto diversi punti di vista: terminologico, storico, tecnologico, della

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cristina Barzetti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5041 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.