Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

Rielaborazione della teoria sulle aree valutarie ottimali elaborata dal premio Nobel per le scienze economiche nel 1999 Prof. ROBERT MUNDELL, padrino dell'Euro, che già 30 anni fa aveva previsto la nascita della moneta unica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L'Accademia di Svezia, nel 1999, ha deciso di attribuire il premio Nobel per le Scienze Economiche al Professor ROBERT MUNDELL della Columbia University di New York.. Si tratta del giusto riconoscimento nei confronti di colui che può essere considerato” il padrino dell’euro “. In effetti bisogna dire che gli studi dell’ economista canadese hanno avuto luogo diversi anni fa ma solo oggi raccolgono i giusti consensi. La scelta dell’Accademia di Svezia premia uno dei ”grandi vecchi” della teoria keynesiani, snobbando i giovani teorici della “new economy“. L’economista canadese è un grande sostenitore dei regimi a cambio fisso, contro la tendenza monetarista che negli ultimi 20 anni ha optato per il cambio flessibile, provocando sfaceli culminati con la crisi russa, asiatica e messicana. Il neo Nobel è uno strenuo difensore delle monete uniche regionali (sull’esempio dell’euro ). Le considerazioni di Mundell, pensate e presentate negli anni ’60, sembrano ancora più calzanti oggi in uno scenario globale di economie fortemente interconnesse e alla ricerca di stabilità. Più di tutto, Mundell affrontò la sua analisi con insolita precisione riguardo il futuro sviluppo di disposizioni monetarie internazionali e dei mercati dei capitali. Ad un dato periodo temporale, i risultati accademici potrebbero essere sembrati piuttosto misteriosi, esoterici, ma non a lungo tuttavia essi avrebbero potuto assumere elevata importanza pratica. Come sono gli effetti di una politica fiscale e monetaria attinenti all’ integrazione dei mercati internazionali? Come fanno tali effetti ad aver rilievo se una nazione fissa il valore della sua moneta o le permette di fluttuare liberamente? Potrebbe una nazione persino avere una moneta propria? Con il proporre e nel rispondere a tali interrogativi R. Mundell ha rielaborato la teoria macroeconomia per le economie aperte spaziando su diverse problematiche che vanno dalle mutazioni nel sistema monetario internazionale fino alla ricerca di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3132 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.