Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La produzione di conoscenza e i meccanismi istituzionali: le collaborazioni tra università e imprese

Il mio lavoro di tesi dimostra come le collaborazioni di ricerca tra università e imprese siano un utile e necessario strumento per lo sviluppo delle economie, e per il benessere di ogni Paese. L’analisi condotta propone inizialmente argomentazioni storiche riguardo alle realtà in cui questo fenomeno è nato e diffuso, e dove si sono riscontrate maggiori utilità; precisamente il caso degli Stati Uniti e del rapporto del 1945 sulla Scienza come frontiera infinita.
Altra analisi è quella costi-benefici, da parte delle università e delle imprese, per illustrare con particolari argomenti i vantaggi e gli svantaggi che derivano alle due realtà da questo tipo di collaborazione, insieme naturalmente ad un’approfondita indagine degli incentivi che spingono le stesse ad impegnarsi in rapporti di ricerca collaborativi.
In ultimo, uno studio concreto delle collaborazioni di ricerca ad oggi esistenti nell’area locale catanese, detta Etna Valley, ove le due realtà sono, da tempo, integrate con successo.
Sempre presente, come base di tutto il lavoro di tesi, è il “Bene Conoscenza”, che riassume in se tutte le caratteristiche necessarie alla dimostrazione della tesi iniziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questo lavoro indaga l’evoluzione attuale dei legami tra ricerca pubblica e privata, con l’intenzione di coglierne le motivazioni, gli effetti e gli scenari di sviluppo futuri. L’analisi svolta è principalmente di natura qualitativa, essendo difficile quantificare, o meglio, basarsi su dati, spesso irreperibili, o quando disponibili da prendere con cautela, per arrivare a delle conclusioni significative. I fattori che entrano in gioco sono, difatti, molteplici, eterogenei, e come verrà evidenziato, in contrasto. La dualità del “bene conoscenza”, un ibrido che al carattere talvolta di bene commerciale affianca le caratteristiche proprie di bene pubblico, riassume la complessità e lo scontro tra interessi diversi. I costi della produzione di nuova conoscenza devono essere in qualche modo condivisi tra il settore pubblico e il settore privato che è il passaggio essenziale dall’astratto dell’idea, del teorema, al concreto del prodotto. Il titolo stesso della tesi introduce l’elemento principale di analisi, ossia “le collaborazioni tra le università e le imprese”, quindi tra pubblico e privato, con riferimento alla ricerca e alla produzione di nuova conoscenza, che sarà analizzato dipingendo un quadro dello

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Manuela Giannotti Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2166 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.