Skip to content

Gli immigrati e il mercato del lavoro in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Monica Silvina Potenziani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Massimo Pivetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 272

Nel dibattito pubblico sull’immigrazione nel nostro paese si possono osservare due prospettive. Da un lato stanno i sostenitori dell’idea secondo la quale gli immigrati contribuiscono ad aggravare alcuni problemi delle società contemporanee o che siano addirittura all’origine di questi. Questi vedono l’immigrazione come un fenomeno imposto dall’esterno o, nel migliore dei casi, come un male necessario, ma da contenere il più possibile. Dall’altro, vi sono i sostenitori della tesi che l’immigrazione fornisca un contributo indispensabile alla crescita economica, sociale e anche culturale del paese che li accoglie, in questo caso il nostro. Naturalmente i primi ritengono fondamentale frenare, quando non recisamente interrompere, l’arrivo di stranieri nel nostro paese e imputano ai limiti nei sistemi di controllo la loro stessa presenza. I secondi, all’opposto, sospettano che ogni forma di regolazione sia ispirata da forme di razzismo più o meno interessato. Non è infrequente che tali polarizzazioni nel dibattito pubblico si riflettano anche in forme di «ricerca» volte – più che ad accumulare conoscenze empiricamente valutabili e comunicabili ad altri ricercatori – ad accumulare munizioni per la guerra di trincea con gli avversari.
E’ indubbio che queste due prospettive siano considerate dai partecipanti come antitetiche, e che tendano a definirsi in un processo di continua e reciproca contrapposizione. E sebbene, sotto il profilo delle posizioni politiche che se ne possono ricavare (o dalle quali esse sono dedotte) è indubbio che lo siano. ambedue queste posizioni condividono, tuttavia, una premessa fondamentale. Che si sia “favore” o “contro”, ambedue le posizioni considerano l’immigrazione come un fenomeno unitario dalle caratteristiche date, non come un processo composito e plurale che ha fonti diverse e esiti non scontati. Che le si giudichi “buone” o “cattive”, le caratteristiche degli immigrati vengono definite nei termini di differenze predefinite e non modificabili. Entrambe le posizioni condividono l’idea che le caratteristiche sociali, economiche, culturali degli immigrati, siano destinate a non variare, tanto nel tempo quanto a seconda delle condizioni in cui avviene l’immigrazione. Ma nella realtà non è così.
Lo studio tratta il fenomeno migratorio italiano con le sue peculiarità e le sue differenze rispetto ai Paesi Nord Europei e agli Stati Uniti. E' diviso in quattro parti: nella prima parte viene presentato un quadro statistico aggiornato della presenza straniera in Italia sia regolare che irregolare e in particolare della partecipazione al mercato del lavoro italiano. Nella seconda parte viene analizzata l'influenza, dal punto di vista economico, che gli immigrati esercitano sul nostro mercato del lavoro. Si tenta di stabilire se essi siano in relazione di complementarietà o di sostituzione con i lavoratori italiani. Vengono presentati i principali studi compiuti in materia dagli economisti italiani e stranieri. Nella terza parte si offre una panoramica della normativa italiana sugli stranieri. Nella quarta parte si presenta una rassegna di opinioni autorevoli in materia di immigrazione. Si analizzano in particolare le posizioni delle istituzioni, del sindacato italiano delle associazioni imprenditoriali, dei demografi e dei sociologi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 -1- LA POPOLAZIONE ITALIANA. Nella ricostruzione della storia demografica italiana è usuale fissare come data d’inizio il 1861, sia perché in quell’anno si attua l’unità politica del paese, sia perché a tale data risale l’effettuazione del primo di una serie sufficientemente regolare di censimenti demografici che rendono possibile compiere un’analisi fondata su più sicuri elementi di giudizio. Da allora sono stati eseguiti altri quattordici censimenti. L’ultimo censimento è stato eseguito nel 2001 ma non sono ancora disponibili i dati definitivi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia sommersa
immigrati economici
lavoro nero
legislazione sugli stranieri
mercato del lavoro
immigrati
immigrati clandestini
immigrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi