Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di sviluppo della marca commerciale in Europa: il caso di Coop Italia

Il mio lavoro tratta dello sviluppo delle politiche di marca da parte della Grande Distribuzione, con una particolare attenzione a quella che è la visione strategica della GDO nei confronti di tale sviluppo. In una prima fase viene analizzato il ruolo della "marca" all'interno dell'economia dei beni di largo consumo; viene trattato a seguire il particolare genere della marca commerciale e la destabilizzazione che la stessa porta all'interno dei rapporti verticali e di filiera. Nella Terza parte di affronta l'approccio strategico alla marca commerciale, inteso come implementazione effettiva in un "nuovo" prodotto analizzando i mercati di riferimento e i prodotti concorrenziali. Nell'ultimo capitolo viene invece analizzata la particolarità dell'approccio di Coop Italia allo sviluppo della marca commerciale all'interno del proprio assortimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
VIII Introduzione A tutti coloro che osservano, da diretti interessati, da studiosi o da semplici curiosi, il mondo della distribuzione commerciale (e in particolare dei beni di largo consumo), sicuramente non sarà sfuggito l’avvento tumultuoso e rapido di cambiamenti radicali, che influenzano il sistema economico nella sua interezza, nonché il nostro vivere comune. E molti di questi osservatori si saranno chiesti i perché e le modalità di alcuni di questi cambiamenti; infine, i più curiosi, avranno focalizzato la propria attenzione solo su determinati aspetti. Quello che sta avvenendo, per la sua radicalità e la sua portata, è stato definito a proposito come “Rivoluzione Commerciale” 1 , intendo principalmente il fenomeno per cui l’equilibrio della bilancia del potere tra Industrie produttrici e aziende che operano nel campo della distribuzione si è spostato radicalmente a favore di quest’ultime. Questo lavoro non ha lo scopo di spiegare la “Rivoluzione Commerciale” nella sua interezza (anche perché c’è stato già qualcuno che l’ha fatto in modo eccellente e difficilmente imitabile dall’Autore), ma osservare questo fenomeno in una prospettiva più simile a quella dei “curiosi” di cui si deva prima. Questo lavoro, parla infatti, delle strategie di sviluppo delle politiche di prodotto da parte del distributore, ed in particolare delle marche commerciali. La curiosità è scaturita dal fatto che è facile poter osservare l’invasione di prodotti che portano la marca del distributore o dei suoi surrogati sugli scaffali dei punti vendita che tutti noi visitiamo ogni giorno; più difficile è forse, senza un analisi approfondita, dare delle risposte ai ripetuti (e infantilmente curiosi) “perché?” che l’osservazione della realtà ha 1 Fornari, “Rivoluzione commerciale e Trade marketing”, 1999,2000 EGEA

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Giglietto Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6214 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.