Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Assenza delle figura paterna e valutazione di sè in età evolutiva

Questo lavoro descrive l'importanza della figura paterna nella costituzione dell'immagine morale di un individuo. Per immagine morale si intende il senso della propria importanza, del proprio valore intrinseco.
Nella prima parte di questo lavoro, basandosi sulle teorie più importanti della psicologia del profondo (Freud, Jung, Adler, Lacan e Winnicott), si evidenzia l’importanza del ruolo paterno nello sviluppo psicologico di un individuo. Si sottolinea come, soprattutto nella fase di passaggio dal mondo familiare a quello sociale, la presenza del padre sia fondamentale. Nella seconda parte di questo lavoro si riportano i dati ottenuti da una ricerca svolta su bambini che, per diversi motivi, non presentano una figura paterna stabile nel proprio ambiente familiare. Dall’analisi qualitativa dei risultati di questa ricerca emerge proprio che i soggetti senza il padre sono quelli che manifestano maggiori difficoltà e conflitti negli ambiti ''sociali''.
Ciò che manca a questi fanciulli è uno sguardo che riponga in loro IL VALORE, la consapevolezza vera e sicura di essere portatori di un’immagine buona, che gli permetta di aver fiducia nelle azioni che stanno compiendo.

“Nell’immagine morale il bambino si sente soprattutto nel fare le cose buone e l’approvazione che riceve è misura della sua bontà” (R.Quaglia, 1995b, p. 88)(corsivo aggiunto)

La bontà e l’immagine morale nascono dall’interiorizzazione della giusta condotta, dal “tu devi” paterno, dall’aver ricevuto le tavole della legge dalle mani di un padre presente.
Senza il padre manca un intero mondo, quello che dona la fierezza, la legalità ed il valore del proprio agire; un bambino senza il padre è un Don Chisciotte che si batte contro i mulini a vento e che, come lui, viene considerato dagli altri un pazzo e un visionario e, per questo, escluso dalla sua società e costretto a vagare senza meta.

Un bambino senza il padre è un fanciullo che cresce senza sapere quanto vale veramente.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Una sequenza di immagini molto affascinante è quella che rappresenta un bambino con in mano una pallina e, mentre l’inquadratura si allarga sfumando verso l’alto, il bambino appare sempre più piccolo, mentre anche lo spazio a lui circostante diventa ogni istante sempre più minuto ed il quadro visivo viene occupato invece dalla raffigurazione del paese, poi della nazione ed infine appare il pianeta terra visto nello spazio. Lo zoom continua ed anche l’amata terra lascia il posto alla nostra costellazione fino a giungere alla via lattea, ad un certo momento la zoomata accelera sempre più velocemente fino a raggiungere il limite; si ode uno scoppio e appare l’immagine di una pallina in mano ad un bambino. Questa sequenza di immagini a mio parere rende bene l’idea secondo cui ogni individuo è inserito in un contenitore che a sua volta è collegato ad un altro senza giungere ad un limite. Ogni individuo è in microcosmo che però per crescere e vivere deve legarsi ad altri microcosmi formando così una costellazione che avrà forze di attrazioni gravitazionali legate ai rapporti di vicinanza o lontananza fra di essi. Un bambino, proprio come il bambino con la pallina in mano della rappres entazione precedente, è un microcosmo unico ed irripetibile che è inserito in quella costellazione chiamata famiglia ed è attraverso la forza gravitazionale che lo lega ai microcosmi dei genitori che riesce a vivere e a crescere, sicuro di non perdere mai la strada. Nel cosmo familiare es is te un sole splendente che illumina i pianeti che girano attorno a lui, tale s tella è la madre che, con la s ua s ens ibilità e con il s uo amore, aiuta il

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Paolo Di Marco Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 25425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 70 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.