Skip to content

Nuovi spazi della transitorietà - Notarbartolo

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Ragusa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Francesco De Simone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 304

La ricerca alla base di questa tesi di laurea è stata rivolta alla lettura di uno spazio, l’area della stazione ferroviaria Notarbartolo di Palermo, privo di una specifica identità ma ricco di frammentari ed eterogenei elementi rintracciabili e riconoscibili per il loro carattere autonomo, allo scopo di indicarne le potenzialità e tracciare delle ipotesi progettuali.
I risultati della lettura, indubbiamente soggettiva e parziale derivando dalla cultura e dalla sensibilità dell’osservatore, hanno condotto a un approccio progettuale in cui confluiscono due aspetti interconnessi: uno tecnico-scientifico, relativo al campo dei trasporti su ferro, in rapporto anche alle previsioni comunali, nazionali ed europee; ed uno antropologico-architettonico, in funzione dei diversi modi che ha avuto finora l’architettura del sito di rapportarsi all’area ferroviaria e delle abitudini d’uso degli abitanti-viaggiatori locali verso la stazione ferroviaria e le aree annesse.
La scelta dell’area di progetto si lega all’interesse sviluppato in Italia verso la progettazione delle stazioni ad Alta Velocità, nato a seguito dei concorsi internazionali indetti dalle F.S. per le città di Roma, Torino, Firenze, Napoli e Bologna, unitamente ai recenti interventi di riqualificazione delle principali stazioni storiche italiane ad opera della società Grandi Stazioni s.p.a.
Ciò rientra nell’interesse europeo rivolto all’estensione della rete ad all’Alta Velocità e alla riorganizzazione e modernizzazione delle strutture ferroviarie esistenti, vedendo nella ristrutturazione e/o progettazione delle stazioni ferroviarie un’occasione di investimenti economici uniti a interveti di riqualificazione urbana estesi sia al quartiere che all’intera città.
Per incrementare i rapporti tra l’Europa e l’Africa è previsto l’utilizzo della Sicilia come porta navale e aerea - potenziando le infrastrutture navali e aeree esistenti, realizzando la chiusura dell’anello ferroviario e introducendo l’Alta velocità nell’isola - e l’utilizzo di Palermo come centro di un sistema di intermodalità porto-ferrovia.
L’area della stazione Notarbartolo si offre in tal modo alla ricerca progettuale nel campo architettonico data la sua natura di nodo di una rete globale di spostamenti con una elevata potenzialità economica per investimenti pubblici e privati.
A tal fine in questa ricerca vengono indicate le nuove stazioni ferroviarie come “piazze urbane” collegate a una rete di servizi quali parcheggi, hotel, parchi pubblici, centri commerciali, ristoranti, edifici congressuali e amministrativi, cinema, e quanto altro raggiungibile in treno che sia di interesse a scala urbana e/o regionale, che, come le stazioni, utilizzano linguaggi generici e intercambiabili quali tapis roulant, scale mobili, fast food, pannelli elettronici rivolti al cittadino-viaggiatore che lavora, mangia, compra lungo il suo perenne viaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Nuovi spazi della transitorietà Notarbartolo La ricerca alla base di questa tesi di laurea è stata rivolta alla lettura di uno spazio, l’area della stazione ferroviaria Notarbartolo di Palermo, privo di una specifica identità ma ricco di frammentari ed eterogenei elementi rintracciabili e riconoscibili per il loro carattere autonomo. I risultati di lettura, indubbiamente soggettiva e parziale, hanno condotto a un approccio progettuale in cui confluiscono due aspetti inteconnessi : uno tecnico-scientifico, relativo al campo dei trasporti su ferro, in rapporto anche alle previsioni comuncali, nazionali ed europee; ed uno antropologico-architettonico, in funzione dei diversi modi che ha avuto finora l’architettura del sito di rapportarsi all’area ferroviaria e delle abitudini d’uso degli abitanti-viaggiatori locali verso la stazione ferroviaria e le aree annesse. La scelta dell’area di progetto si lega all’interesse sviluppato in Italia verso la progettazione delle stazioni ad Alta Velocità, nato a seguito dei concorsi internazionali indetti dalle F.S. per le città di Roma, Torino, Firenze, Napoli e Bologna, unitamente ai recenti interventi di riqualificazione delle principali stazioni storiche italiane ad opera della società Grandi Stazioni s.p.a. Ciò rientra nell’interesse europeo rivolto all’estensione della rete ad Alta Velocità e alla riorganizzazione e modernizzazione delle strutture ferroviarie esistenti, vedendo nella ristrutturazione e/o progettazione delle stazioni ferroviarie un’occasione di investimenti economici uniti a interventi di riqualificazione urbana estesi sia al quartiere che all’intera città. Per incrementare i rapporti tra l’Europa e l’Africa è previsto l’utilizzo della Sicilia come porta navale e aerea – potenziando le infrastrutture navali e aeree esistenti, realizzando la chiusura dell’anello ferroviario e introducendo l’Alta Velocità nell’isola – e l’utilizzo di Palermo come centro di un sistema di intermodalità porto-ferrovia. L’area della stazione Notarbartolo si offre in tal modo alla ricerca progettuale nel campo architettonico data la sua natura di nodo di una rete globale di spostamenti con una elevata potenzialità economica per investimenti pubblici e privati. A tal fine in questa ricerca vengono indicate le nuove stazioni ferroviarie come “piazze urbane” collegate a una rete di servizi quali parcheggi, hotel, parchi publici, centri commerciali, ristoranti, edifici congressuali e amministrativi, cinema, e quanto altro raggiungibile in treno che sia di interesse a scala urbana e/o regionale, che, come le stazioni, utilizzano linguaggi generici e intercambiabili quali tapis roulant, scale mobili, fast food, pannelli elettronici rivolti al cittadino-viaggiatore che lavora, mangia, compra lungo il suo perenne viaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

progettazione architettonica
stazioni ferroviarie
stazione notarbartolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi