Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esperienze di teatro e terapia in Italia dal 1990 al 2002

Nell’ultimo decennio, a causa dell’emergere, all’inizio degli anni Ottanta, di psicoterapie a mediazione artistica (denominate artiterapie), anche il mondo accademico italiano ha iniziato a interrogarsi sull’efficacia dell’introduzione e utilizzo di tecniche artistiche (pittura, musica, teatro, danza) nell’ambito terapeutico e riabilitativo.
Attraverso i training adottati e le metodologie proposte, l’arte teatrale del Novecento è arrivata a proporre un lavoro, una vera e propria ricerca umana e spirituale, che unisce corpo e mente dell’attore, lavoro fisico e mentale, sino a modificare e ri-formare l’identità di chi vi si sottopone. Se il teatro cambia l’attore, ci si può ragionevolmente chiedere se alcune modalità e caratteristiche dei training attoriali adottati abbiano risvolti e impatti sociali e di ri-modellamento della personalità, sino al conseguimento di veri e propri risultati terapeutici, se applicati in contesti di disagio sociale o di cura clinica rivolta a problematiche psichiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. Teatro e terapia: una panoramica italiana .1 Introduzione e precisazioni Con quanto segue, s’intende dare una panoramica esemplificativa, ma che non potrà considerarsi esaustiva, a causa dell’estrema varietà e quantità delle esperienze emerse nella mia ricerca. I confini tra l’intenzionalità terapeutica di un approccio artistico e utilizzo dell’espressione artistica come mezzo di comunicazione alternativo alla terapia verbale sono labili e sfumati, come emerge chiaramente dai successivi paragrafi. Negli ultimi dieci anni, l’Italia ha offerto un panorama estremamente differenziato e variegato, sorto sicuramente anche a causa della mancanza di ufficializzazione di figure terapeutiche nell’ambito delle artiterapie in generale, e dell’arte teatrale nel particolare. Mancano inoltre in Italia oltre ad adeguati standard in merito alle figure professionali, centri e strutture stabili ed ufficializzate dove richiedere servizi terapeutici a mediazione artistica. Il risultato di tale stato di fatto, ha portato gli operatori interessati al fenomeno a farsi promotori di esperienze e proposte formulate alla collettività e alle istituzioni stesse. Nel corso della mia ricerca, dai contatti e dagli scambi di opinioni avuti con operatori e operatrici del settore, ho potuto costatare che l’alto grado di varietà e sperimentazione sorto attorno al connubio “teatro e terapia” è visto da taluni come testimonianza di un panorama vivo e ricco di spunti di cambiamento. Una censura esterna e autoritaria, riferiscono alcuni operatori, non lascerebbe spazio a esperienze tanto diverse, ma le immiserirebbe irrimediabilmente in standard burocratici, dimenticando i legami affettivi e i contesti sociali in cui tali sperimentazioni sono sorte. Altri operatori e operatici da me contattati, osservano la situazione appena descritta con una certa preoccupazione. Si addita alla disomogeneità e frammentazione dell’esperienza nazionale come causa della scarsa affidabilità che terapie riabilitative e terapeutiche a mediazione teatrale hanno avuto in passato e continuano tuttora ad avere. A fronte di grandi successi artistici, quali quelli raggiunti dalla Compagnia della Fortezza o dalla Cooperativa “Arte e Salute”, fondata dal regista Nanni Garella, secondo alcuni operatori continua a esistere una generale diffidenza nell’efficacia di un percorso a mediazione teatrale con finalità strettamente terapeutiche. Lo strano, il “diverso” insomma, sembrano suggerire, è ancora accettato dalla comunità sociale e talvolta dalle stesse istituzioni se mostra sul palcoscenico le proprie ‘diverse’ capacità e ‘disabilità’. La presenza di un corpo e di un linguaggio diverso, distorto, metterebbe in discussione la nozione di ‘normalità’ precostituita e darebbe forza ed efficacia ai gesti del paziente-attore e alle emozioni dello stesso spettatore che si trova ad assistere alla performance. A tale proposito, si ricordano in questa sede e più diffusamente in

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela Mattei Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12023 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.