Skip to content

L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806)

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Dei Rossi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Vittorio Signorotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

La storiografia rileva come l’anno 1797 sia rimasto a lungo l’orizzonte temporale entro cui si è autoconfinata la ricerca storica su Venezia, e solo recentemente gli storici hanno orientato lo sguardo verso quel cinquantennio che è seguito alla caduta della Repubblica ed è collocato prima della rivoluzione quarantottesca, tanto cara alla storiografia risorgimentale.
In tale ambito temporale, si è inteso analizzare taluni aspetti della situazione in cui ebbe a trovarsi l’ordinamento giudiziario veneziano nel cruciale momento, storico e politico, della caduta della Repubblica e del successivo passaggio ad un regime politico e giuridico, quello imperiale, completamente diverso.
La storiografia ha sempre posto l’accento sulla correlazione esistente tra la tipicità dell’ordinamento veneziano, la sua peculiarità rispetto alle altre organizzazioni statuali italiane, dettata sia dalla struttura costituzionale che dalla durata temporale della stessa, ed il particolare ambito territoriale in cui è sorto. Il diritto veneto e l’amministrazione della giustizia che ne è derivata (la quale presenta più di un’analogia con un altro sistema giuridico particolare come quello inglese, quantomeno per il concetto di equità di cui entrambi si sono ammantati) erano talmente diversi da quelli operanti nel resto del territorio italiano che si sono ritrovati ad essere contrapposti addirittura all’interno stesso dello stato veneziano, tra la città dominante che li aveva generati ed il dominio di terraferma.
Negli anni della prima dominazione austriaca, dal 1798 al 1806, si pervenne quindi allo scontro di due mentalità, di due culture giuridiche, di due modi di intendere il ruolo del giudice. Era la sfera del diritto comune che andava a cozzare e a travolgere quella del peculiare diritto veneto, cancellandone pressochè le tracce, compreso anche quanto di positivo potesse aver prodotto.
Il fulcro di questa diversa concezione del ruolo e dei poteri del magistrato, e dell’ordinamento giuridico in genere, è stato individuato nei lavori della Commissione straordinaria istituita nel 1799 dal governo centrale di Vienna con il compito di regolamentare, armonizzandolo con il proprio, l’ordinamento giudiziario delle province venete. Invero, con l’estensione dell’ordinamento giudiziario in vigore nel resto dell’Impero anche alle province venete a decorrere dal 1° marzo 1804, il diritto e l’ordinamento giudiziario veneziani furono definitivamente accantonati.
Ma ancora cinquant’anni dopo Daniele Manin ne lamentava la scomparsa, e nella sua visione apologetica lo esaltava come un modello di diritto a cui ispirarsi, mentre lo stesso Impero Asburgico con la riforma dell’ordinamento giudiziario del 1849 riprenderà diversi caratteri del diritto processuale veneto nella sua riforma della procedura penale.
E, comunque, i principi che del patrimonio giuridico veneziano venivano comunemente ed obiettivamente riconosciuti positivi - la pubblicità del dibattimento, la sua oralità, le modalità accusatorie e non inquisitorie del processo, le arringhe a difesa degli imputati - non sono andati perduti, ma, all’evidenza, sono stati effettivamente recepiti ed utilizzati anche dagli ordinamenti giuridici contemporanei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL CONTESTO STORICO La caduta della Repubblica di Venezia nella recente storiografia Un evento storico di una portata tale quale la fine di uno stato diventa inevitabilmente oggetto di innumerevoli letture 1 . In questa prima parte del lavoro è mia intenzione scorrere, in maniera compendiata, gli eventi che si verificarono dalla caduta della Repubblica di Venezia al primo alternarsi delle dominazioni francese ed austriaca, privilegiando come riferimento soprattutto la produzione storiografica più recente. Non ritengo superflua la scelta di accennare agli accadimenti di quel decennio: essi costituiscono il referente necessario per meglio comprendere i mutamenti che si sono verificati nell’ambito dell’amministrazione della giustizia. … (omissis) … La situazione interna poteva quindi anche apparire soddisfacente e Venezia si muoveva sulla scena internazionale solo nell’ambito che più le era congeniale, quello della diplomazia, dove emergeva la consumata abilità della sua classe politica, erede di una secolare tradizione di esperienza e scaltrezza. Confidando in questa e seguendo una politica di rigorosa neutralità, la dirigenza veneziana assisteva come intorpidita alla rottura degli equilibri europei derivante dalla Rivoluzione francese. Ma l’emarginazione e l’inadeguatezza strutturale venivano avvertite: lo stesso doge Paolo Renier aveva segnalato l’isolamento diplomatico della Repubblica 2 , anche se il 1 E a tali analisi vengono magari affiancati interrogativi (avrebbe potuto la Repubblica di Venezia resistere alle armate napoleoniche? dovevano, ed erano in grado, la Signoria, il Senato, gli altri organi, di rifugiarsi nei possedimenti di Levante, sorta di governo in esilio, e da lì tentare una rivincita?) che, pur essendo fini a sé stessi, hanno offerto motivi di discussione anche in occasione del bicentenario della caduta della Serenissima, nelle numerose mostre e conferenze che si sono tenute durante il 1997 a Venezia, riprese ed amplificate dalla stampa locale. 2 Egli, “dopo essere stato l’avversario di Foscarini in tempestose battaglie parlamentari, aveva apertamente e solennemente denunciato in pieno Maggior Consiglio l’isolamento diplomatico della Repubblica, il suo sopravvivere <a sorte e per accidente> sul solo credito dell’antica saggezza e prudenza”. A. Zorzi, Venezia austriaca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto veneto
dominazione austriaca
magistratura veneziana
ordinamento giudiziario veneziano
quarantia
repubblica di venezia
storia d'italia
storia moderna
girolamo rubelli
ottaviano maria zorzi
storia degli antichi stati italiani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi