Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'orecchio del silenzio. Musicoterapia applicata all'educazione dei bambini audiolesi

La tesi approfondisce nelle tre parti che la compongono l'aspetto teorico della musicoterapia in generale, per quanto riguarda la prima parte. Nella seconda parte si entra nello specifico dell'argomento, infatti, vengono presi in esame tre metodi di musicoterapia specificatamente diretti a bambini sordi. Infine nella terza parte viene riportata l'esperienza pratica all'interno di una scuola audiofonetica che utilizza la musica come strumento per educare il bambino sordo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. Cos’è la musicoterapia. La musicoterapia � una modalit� d�approccio sensoriale che utilizza l�elemento sonoro con finalit� terapeutiche per intervenire su un certo numero di disagi fisici, psicologici e psicopatologici. In questo particolare ambito l�obiettivo terapeutico deve essere distinto da un risultato propriamente musicale. Non esiste un solo metodo musicoterapeutico, ma numerose pratiche molto diverse fra loro, il cui scopo finale � unico, quello di mantenere e migliorare la salute mentale e fisica di tutti i soggetti di cui si occupa. La musicoterapia � una forma di psicoterapia o di rieducazione, secondo la tecnica utilizzata, che impiega il suono e la musica, sotto tutte le sue forme, come mezzo d�espressione, di comunicazione, di strutturazione e d�analisi delle relazioni. Pu� essere applicata in sedute di gruppo o individuali con bambini e con adulti, � quindi adatta a tutti, come intervento di prevenzione primaria in campo pedagogico ed educativo. Questo � possibile perch� la musica ha in s� il potere di entrare direttamente in contatto con l�uomo, la musica ha una funzione terapeutica �naturalmente� emanata. Come intervento riabilitativo e clinico non guarisce, ma fornisce al terapeuta notevoli informazioni sul paziente e, allo stesso tempo, procura al paziente sensazioni piacevoli, rilassanti. Cantare, suonare e danzare si presentano come attivit� finalizzate alla liberazione degli aspetti negativi per il paziente che si lascia coinvolgere dall�energia creativa della musica. La musicoterapia, affiancandosi ad altre terapie, pu� migliorare la qualit� della vita del paziente, pu� aprire canali di comunicazione in tutti i pazienti che non hanno (per esempio) facilit� a parlare. Questo avviene non

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Raffaella Salvetti Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18214 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.