Skip to content

Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto. Il linguaggio letterario in Michel Foucault

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Meo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1990-91
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Magistero
  Corso: Psicologia
  Relatore: Lorenzo Accame
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Gli interventi di Michel Foucault nel campo del linguaggio letterario, numerosi e appartenenti per intero al decennio 1961-1970, possono essere riportati, nonostante la varietà delle occasioni e la grande ricchezza dei temi, a quella concezione - definibile come dell'autonomia del linguaggio - la quale raggiunge la sua più compiuta espressione con ''L'archeologia del sapere'' e ''L'ordine del discorso'', ma che affonda le sue radici in ''Le parole e le cose''.
Un aspetto essenziale di tale concezione è la problematizzazione del rapporto tra linguaggio e soggetto: se per Foucault il soggetto dell'enunciato non è più la sua origine unica e assoluta, ma una funzione rivestibile da una molteplicità di individui, ciò è vero a maggior ragione per il discorso letterario quale si è costituito negli ultimi due secoli. Le unità artificiali dell'Autore e dell'Opera non riescono a mascherare la proliferazione inarrestabile di frammenti di linguaggio privi ormai di un soggetto unitario e di positivi oggetti di riferimento. Frammenti che instaurano relazioni direttamente tra loro, nello spazio che Foucault (con Blanchot) chiama del Fuori. Il Fuori è il luogo all'esterno della coscienza razionale dove trovano cittadinanza esperienze come la follia, la trasgressione, la morte.
Con la letteratura moderna il linguaggio afferma la sua irriducibilità al pensiero, l'impossibilità di fungere da pura traduzione delle rappresentazioni della coscienza. Il linguaggio letterario funziona, parla, secondo proprie leggi che non escludono la casualità e l'ambiguità. C'è qualcosa di non pensato, di estraneo all'io, un nucleo di silenzio che agisce nel linguaggio, e questo qualcosa è lo spessore stesso delle parole. Il moderno linguaggio letterario è secondo Foucault, al pari della follia, un linguaggio doppio che si autoimplica, ovvero che enuncia, in se stesso, la propria chiave. Autoimplicazione che equivale a non dire, in senso stretto, alcunché, ma che può racchiudere tuttavia, nel suo movimento circolare, qualsiasi significato.
La letteratura è dunque la Biblioteca di Borges, è la rete che ipotizza Foucault in cui i libri intrecciano rapporti con i libri, le parole rimandano ad altre parole, incuranti addirittura della direzione del tempo. Il discorso letterario è linguaggio anonimo, disperso, plurale: mormorio senza autore in cui si mostra l'essere stesso del linguaggio. Per Foucault l'essere del linguaggio ha a che fare per l'appunto con la sua potenziale simultanea indipendenza e dal soggetto parlante e dagli oggetti designati. La materialità del linguaggio (la parte di casualità legata agli accidenti della sua apparizione) e la limitatezza delle parole che ne favorisce l'ambiguità fondamentale, aprono al linguaggio letterario un infinito spazio di possibilità, di significati nuovi e inaspettati in cui ciò che brilla non è più la parola di Dio, nè quella dell'uomo, ma il linguaggio stesso.
Questo punto di vista, in cui si può cogliere la chiamata in causa del linguaggio come problema di fondamentale rilevanza filosofica, se per alcuni critici verrà in seguito superato da Foucault, è d'altra parte in maniera evidente intimamente legato a quella messa in discussione del soggetto che Foucault stesso riconosce come il cardine di tutta la propria opera, nonché al problema della verità e dunque alla questione del potere (la verità è un effetto di potere, gli avvenimenti discorsivi sono l'oggetto di rapporti di forza, e non di senso). E' quindi lecito pensare che tale posizione sul linguaggio non sia da contrapporre ai temi ed alle conclusioni delle successive ricerche foucaultiane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto 2 INTRODUZIONE Per tutto l'arco degli anni sessanta, il campo della creazione letteraria ha rappresentato per Michel Foucault un motivo di notevole interesse. Questa attenzione si � concretizzata in conferenze, in prefazioni ad opere letterarie, in numerosi, brevi saggi pubblicati su Critique, La nouvelle revue fran�aise ed altre riviste, nonch� nell'opera monografica dedicata a Raymond Roussel; ma la si pu� ritrovare anche nelle opere pi� importanti e pi� conosciute scritte da Foucault in questo periodo: in primo luogo Histoire de la folie e Les mots et les choses. Il suo interesse � rivolto non solo e non tanto alla struttura dell'opera in quanto tale, ma soprattutto alla peculiarit� di una scrittura che egli crede di individuare, che pu� talvolta mutare la propria linearit� in una disposizione armonica verticale, dividendo cos� in vari segmenti paralleli e sovrapposti il continuum costituito dalla voce del soggetto-scrittore. Il concetto stesso di autore, d'altronde, e quello complementare di opera, in apparenza cos� solidi e non problematici, sono stati radicalmente messi in discussione da Foucault che ne ha mostrato la variabilit� storica e la funzione di elementi di forzata continuit� cui assolvono. In questa area del lavoro foucaultiano possiamo individuare alcuni temi sui quali pi� frequentemente e con pi� forza si � esercitata la sua riflessione, e la cui ripresa anche a distanza di tempo testimonia dell'impegno con cui egli si � adoperato per elaborarli e per articolarli tra loro, e dell'importanza che vi annetteva. Il rapporto tra letteratura e follia. Se, a partire da quella che Foucault chiama "l'et� classica", la sragione viene esclusa e ridotta al silenzio dalla ragione trionfante, la sua voce

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alterità
essere del linguaggio
linguaggio letterario
reduplicazione
scomparsa del soggetto
filosofia teoretica
michel foucault
maurice blanchot

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi