Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le grandi difficoltà tecniche nella ginnastica artistica femminile

La scelta delle grandi Difficoltà Tecniche nella Ginnastica Artistica Femminile, come titolo della mia tesi, non è affatto casuale, ma è scaturita da una necessità personale di approfondire con studi teorici, ricerche ed analisi, ciò che per sedici anni e più, ho potuto constatare praticamente.
Infatti, nell’elaborazione degli argomenti che compongono questo lavoro, ho potuto attingere dal mio recente passato di ginnasta della Squadra Nazionale Italiana, ho cercato di rievocare i sentimenti, i ricordi, le emozioni e le situazioni che per anni mi hanno pervaso durante i duri allenamenti quotidiani e durante le competizioni internazionali, ma soprattutto ho analizzato per la prima volta tutto questo dall’esterno in modo critico ed oggettivo, confrontando, rapportando ed ampliando questo bagaglio di esperienza pratica alle ricerche degli studiosi più all’avanguardia nel campo.
In questo modo ho così potuto ottenere un lavoro completo, l’unione dell’esperienza concreta sul campo agli studi scientifici, mi ha permesso di cogliere in modo globale gli aspetti negativi e positivi che animano dal profondo questa affascinante disciplina sportiva.
Considerata la vastità dell’argomento ho ritenuto opportuna la divisione del lavoro in tre parti, in quanto, in questo modo, oltreché rispettare una certa logica interna alla disciplina, ho cercato di rendere la stessa, considerata anche la varietà delle esecuzioni possibili, più fruibile al lettore.
La prima parte tratta in modo globale quelle che sono le caratteristiche generali dell’alta specializzazione nella ginnastica artistica oggi. Per poterle comprendere in modo ottimale, mi è stata necessaria un’analisi dell’evoluzione della stessa disciplina sportiva, nella quale ho tentato di individuare le cause, gli effetti e le necessità che hanno determinato le trasformazioni di questo sport nel tempo. In questa stessa parte, ho colto inoltre gli aspetti contenutistici ed estetici tipici della materia e le metodiche di allenamento che si è soliti effettuare per il loro corretto e ottimale raggiungimento.
La seconda parte, a carattere prevalentemente medico-scientifico, fornisce inizialmente una visione generale degli apparati coinvolti nel lavoro muscolare, trattando dell’efficienza fisica in relazione al grado di allenamento. Successivamente in questa stessa parte ho tentato di mettere in risalto gli aspetti più problematici della disciplina, quali la traumatologia acuta e cronica in rapporto all’età delle ginnaste ed ai vari attrezzi, ed l’ormai constatato problema dell’esigenza di un’alimentazione corretta. In ultima analisi ho trattato l’aspetto della preparazione psicologica della ginnasta di vertice, fondamentale a mio avviso, per ottenere risultati eccellenti.
La terza ed ultima parte è caratterizzata infine da un contenuto prettamente tecnico, in quanto analizza la corretta esecuzione e la didattica di alcuni movimenti ad alto coefficiente di difficoltà, eseguibili alle parallele asimmetriche.

Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                        ! "              # $                %#  &"        $         "   "        $         #       "    "          ""      $ #          $           #!      "            $      #    '       $          "                    !       $     $          #        $ (     $              $     $      #  #        

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Myosotis Massidda Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.